Gigio, “saluda Antonio”: c’è già un Donnarumma che lascia Milan

Gigio, “saluda Antonio”: c’è già un Donnarumma che lascia Milan
© foto www.imagephotoagency.it

Antonio Donnarumma, terzo portiere del Milan, pronto a salutare i rossoneri a gennaio: per il fratello di Gigio non c’è più spazio nelle nuove gerarchie di Gennaro Gattuso

Un anno e passa dopo della storia tra Donnarumma e il Milan resta poco. Il Donnarumma in questione però non è Gigio, portiere titolare rossonero che contro il Torino festeggerà a nemmeno 20 anni un traguardo incredibile: le cento partite di fila in Serie A senza saltare nemmeno un minuto. No, il Donnarumma in questione è il fratello Antonio, 28 anni, tornato a Milanello la scorsa estate non senza polemiche: nel momento più concitato della telenovela per il rinnovo tra Gigio e il Milan, infatti, era stato proprio Antonio l’ago della bilancia utilizzato da Mino Raiola per chiudere l’affare. Oltre ai 6 milioni netti per il prolungamento di Gigio, l’allora direttore sportivo rossonero Massimiliano Mirabelli fu quasi costretto ad ingaggiare anche il fratellone (proveniente dall’esperienza greca all’Asteras Tripolis) a cui, addirittura, concesse 1 milione di euro netto di ingaggio annuale.

Tanti soldi per un terzo portiere che, nei fatti, non ha quasi mai giocato (se escludiamo la buona prestazione in Coppa Italia lo scorso anno nel derby che costò l’eliminazione all’Inter). Così a gennaio Antonio dovrebbe chiedere la cessione, liberando i rossoneri, che lo hanno di fatto messo alla porta, di un fardello pesante. Oltre al contratto in sé, è da considerare anche il fatto che il Donnarumma maggiore non ha alcuna possibilità di giocare ad oggi: come secondo portiere questa estate è arrivato Pepe Reina, poi ci sarebbe il talentuoso Alessandro Plizzari, uno dei giovani portieri più promettenti d’Italia, che reclama giustamente spazio per non finire in un pericoloso vicolo cieco già ad inizio carriera. Insomma: Antonio Donnarumma è ai saluti, ma forse nessuno lo rimpiangerà davvero, se non Gigio.