Il Foggia nel mirino della criminalità organizzata: estorsioni e minacce

Il Foggia nel mirino della criminalità organizzata: estorsioni e minacce
© foto www.imagephotoagency.it

Protagoniste dei fatti ai danni del Foggia le associazioni mafiose locali che hanno puntato, tra gli altri, anche l’attuale tecnico del Sassuolo De Zerbi

Un nuovo, inquietante caso di criminalità organizzata nel mondo calcistico. Protagonista la società del Foggia. Nella fattispecie, si tratta di minacce e intimidazioni rivolte all’ex direttore sportivo Giuseppe Di Bari e al figlio del patron Sannella, ma anche a Roberto De Zerbi, attuale tecnico del Sassuolo, con l’obiettivo di imporre il tesseramento di giocatori molto vicini al mondo criminale. Si tratta di Luca Pompilio, inserito in squadra nel gennaio 2016, e di Antonio Bruno. All’epoca, il Foggia militava in Lega Pro.
Dopo anni di indagini, la Polizia di Stato ha potuto finalmente avviare stamane una maxi-operazione che ha portato all’arresto di ben 30 affiliati alla malavita foggiana. A favorire l’intervento delle forze dell’ordine una serie di intercettazioni, nelle quali sono emersi più volte proprio i nomi dell’ex d.s. e dell’allenatore. La sottoscrizione del contratto di Pompilio è stata conseguenza delle reiterate estorsioni degli esponenti mafiosi, che il club avrebbe assecondato anziché denunciare.