Kean, record e rinnovo con la Juventus. Pronto un triennale

Kean, record e rinnovo con la Juventus. Pronto un triennale
© foto www.imagephotoagency.it

Moise Kean è stato il primo 2000 a scendere in campo in Serie A. La Juventus lavora per blindarlo. Ma con Raiola non si è mai al sicuro

AGGIORNAMENTO 21 NOVEMBREMoise Kean è pronto a firmare un contratto di tre anni con i bianconeri. Il giovane attaccante della Juventus però deve far fronte ai desideri della sua famiglia, scrive La Gazzetta dello Sport: i genitori del vercellese sono separati e lui, ancora minorenne, deve sottostare loro alle scelte. La madre è più vicina a Mino Raiola e per lui vorrebbe un futuro in Premier League mentre il padre vorrebbe tenerlo alla Juventus. Per ora potrebbe avere la meglio il papà ma ancora non c’è niente di certo.

Debutto e record: ora il rinnovo? Moise Kean è sceso in campo ieri sera a pochi minuti dalla fine nel match tra Juventus e Pescara diventando il più giovane esordiente dei bianconeri in Serie A con 16 anni e 8 mesi (il record apparteneva a Buso, debuttando a 16 anni, 9 mesi e 24 giorni) e il primo 2000 a giocare in Serie A. Pochissimi palloni toccati, finte, una palla persa e un angolo guadagnato. Moise è già una star ed è stato accolto dallo “Juventus Stadium” con tanti applausi ma anche con tanta curiosità.
IL RINNOVO – Il giocatore ora attende il rinnovo forte del pressing del suo agente, sempre lui, Mino Raiola. «Speriamo che Mino non ce lo porti via. Esiste sempre la correttezza frutto di trasparenza che c’è con lui. Ufficialmente non sappiamo chi è l’agente, penso che Moi­se abbia tanti anni davanti e che giocare nella Juve sia mo­tivo di orgoglio. Se il discorso è economico è diverso: l’agente deve fare ragionare l’assistito, il dio denaro non deve essere fondamentale» ha detto Beppe Marotta a Premium. Manchester City e Arsenal sono pronte a soffiarlo alla Juventus ma i bianconeri puntano al rinnovo (al massimo triennale perché il giocatore è ancora minorenne) ma al momento non trapelano cifre. A riferirlo è “La Gazzetta dello Sport“.