Milan, Gattuso: «Voglio una squadra coraggiosa contro il Betis»

Milan, Gattuso: «Voglio una squadra coraggiosa contro il Betis»
© foto www.imagephotoagency.it

Gattuso ha parlato della sfida di Europa League contro il Betis Siviglia in conferenza stampa

Il Milan vuole riscattare la brutta prova offerta all’andata contro il Betis e il cambiamento tattico può dare una mano ai rossoneri, visto che nell’ultima settimana sono arrivate 3 vittorie. «Voglio vedere una squadra coraggiosa – ha dichiarato Gattuso in conferenza stampa – Voglio una squadra che viene qua a fare il suo gioco, rispettando l’avversario. Stiamo giocando meno bene a livello tecnico, ma il cambiamento ci ha dato compattezza. A livello caratteriale e di forza i ragazzi si sono fatti trovare pronti, anche quelli che giocano meno. Questo facilita il compito dell’allenatore. Rispetto a due settimane fa speriamo di fare una partita diversa, sono una squadra che ci può mettere in difficoltà».

Gattuso ha affrontato anche il tema infortunati: «Caldara e Biglia staranno fuori a lungo, mentre Calabria riesce a correre, speriamo di recuperarlo per domenica. Higuain? Non è al massimo, ma vorremmo averlo a disposizione domenica. Bonaventura? Ci vorrà tempo, ha un dolore che si porta dietro dalla preparazione». Il tecnico rossonero si è soffermato anche su altri due giocatori della rosa: «Kessie? Ogni tanto prova a tirare da fuori, ma non è la sua caratteristica principale. Cutrone? È migliorato tanto negli ultimi mesi, grazie anche al fatto di lavorare con Higuain, Suso e Calhanoglu. Però deve migliorare quando non si sente protagonista: se non gioca ha il muso, mentre quando è in campo è teso. I compagni si accorgono di questo. Bakayoko? Contro il Genoa ha fatto una grande partita, a livello tattico può ancora crescere e migliorare».

A Gattuso è stato anche chiesto di Romagnoli e della possibilità di cambiare sistema, passando alla difesa a 3: «Alessio è quello che ha giocato di più, ma non voglio parlare di sistema tattico. L’importante è la compattezza di squadra».