Nasce Roberto Mancini, allenatore giramondo – 27 novembre 1964 -VIDEO

Il 27 novembre 1964 a Jesi nasce Roberto Mancini, calciatore e allenatore di grande successo, passato per le piazze di Inter, Lazio e della Nazionale

Negli occhi e nelle menti di tutti i tifosi italiani c’è ancora il ricordo della debacle di San Siro contro la Svezia che ci ha precluso la partecipazione ai Mondiali in Russia. Uno dei punti più bassi della storia del nostro movimento che da allora ha cercato subito di ripartire e rilanciarsi. Per farlo dunque la federazione ha dovuto puntare su un nome forte, in grado di riaccendere le speranze di tutti gli appassionati attraverso bel gioco e risultati. La scelta dunque non poteva cadere che su RobertoMancini, tecnico che ha girato per il mondo e vinto un po’ ovunque, ammirato anche in Italia sule panchine di Inter, Lazio e Fiorentina. Mancini nasce a Jesi il 27 novembre1964 e si forma calcisticamente nelle giovanili del Bologna con cui fa anche l’esordio in SerieA. La sua carriera di calciatore gli ha regalato parecchi successi divisi tra Lazio e Sampdoria. A Genova vince uno scudetto e ben 6 Coppe Italia, ma soprattutto forma con Vialli una delle coppie d’attacco meglio assortite della storia. In biancoceleste invece, oltre ad un altro scudetto, conquista l’Europa, vincendo la Coppa Uefa nel 1999. L’ultima gara la gioca nel 2001 con la maglia del LeicesterCity.

Subito dopo intraprende la carriera da allenatore, e dopo alcuni annidi gavetta, nel 2001 ecco la prima grande chance con la Fiorentina, con la quale vince un Coppa Italia prima di passare alla Lazio. All’ombra del Colosseo mette in bacheca un’altra Coppa Italia. E’ arrivato però il momento del grande salto, Moratti lo vuole all’Inter. Con i nerazzurri conquista tre scudetti consecutivi, due coppe Italia e un Supercoppa Italiana, ma soprattutto getta le basi per la squadra che vincerà il triplerte con Mournho. Dopo aver conquistato l’Italia tocca all’Europa e nel 2009 approda al ManchesterCity. Tempo due anni e guida i citizens ad un titolo che mancava  da 43 anni. Nel 2013 poi conclude la sua avventura in Inghilterra e inizia a girare per l’Europa: un anno al Galatasaray, il ritorno all’Inter e la parentesi russa con lo Zenit di SanPietroburgo. Nel maggio del 2018 però arriva la chiamata impossibile da rifiutare e Mancini si side finalmente sulla panchina dell’Italia, pronto a rilanciare un calcio da troppo tempo in crisi.


Il contenuto video fa parte della serie web Almanacco del Calcio, prodotto da Sport Review srl.