Novara-Empoli: pereggio giusto ma opaco per entrambe.

Novara-Empoli: pereggio giusto ma opaco per entrambe.
© foto www.imagephotoagency.it

Novara ed Empoli si dividono la posta in palio al “Silvio Piola”: succede tutto nel secondo tempo, a Troest risponde Zajc per i toscani.

Si dividono la posta in palio i ragazzi di Corini e di Vivarini al termine di una partita dai due volti: nel primo tempo entrambe le formazioni erano spente e non mordevano la partita. Poche le percussioni offensive dell’Empoli che è sembrato meno pericoloso del Novara che ha provato in avvio di gara a mettere subito la firma ma così non è stato e il primo tempo finisce con uno scialbo 0-0. Dopo i primi 45’ di noia, nella ripresa si vede una partita decisamente migliore. Il Novara ha aggredito dal primo minuto, ma la manovra troppo complessa non premia i ragazzi in maglia azzurra. Gli ospiti invece vanno all’attacco senza problemi e rischiano di passare dopo pochi minuti con una bella conclusione di Caputo che finisce a lato. Il Novara cerca di creare problemi, ma il fraseggio è troppo macchinoso e non efficace. Dopo nove minuti dall’inizio della ripresa si sblocca la gara: su calcio di punizione battuto dalla tre quarti, palla che va in mezzo all’area dove sbuca prima di tutti Magnust Troest e supera Provedel. Il Novara è in vantaggio, in casa, e questo fa sicuramente notizia. L’Empoli, dopo aver concesso il fianco all’attacco azzurro cerca la reazione ma non è efficace e nonostante i tre cambi effettuati da Vivarini nel giro di 20 minuti, i toscani non riescono ad impensierire Benedettini. Ma è sul un rimpallo fortunoso, che il penultimo entrato in campo in ordine di tempo per l’Empoli, Zajc, mette la firma per l’1-1 definitivo. Ci prova la squadra di Corini nel finale e sfiora la rete del vantaggio, ma non sono precisi gli undici piemontesi e quindi la gara termina con un pareggio che accontenta a metà tutti.

Ecco il mister dei padroni di casa a fine gara, esprimere un giudizio complessivo della partita: «Complessivamente il pareggio è risultato più giusto, da parte nostra c’è rammarico perché l’avevamo orientata bene. La percezione è comunque che l’Empoli faceva fatica a rendersi pericoloso fino a dodici minuti dal termine. Sono stati bravi sulla giocata di Zajc. Dovevamo far meglio per contrastarlo ma le grandi squadre hanno anche giocatori da grandi colpi individuali che spostano gli equilibri: è stato bravo lui a trovare spazio per fare un grande gol. Era importante interrompere l’emorragia in casa, abbiamo fatto un punto contro una squadra tra le più accreditate per la vittoria del campionato, ora ci prepariamo ad andare a vincere con la Cremonese venerdì” ha detto l’allenatore al termine della sfida».

Il tecnico dei toscani giudica il pareggio un risultato giusto: «Abbiamo trovato difronte un’ottima squadra, con buoni giocatori e ben messa in campo. Abbiamo fatto un’ottima prestazione non concedendo niente e tenendo il pallino del gioco. Il Novara era molto chiuso dietro, ma noi siamo riusciti lo stesso a creare l’occasione della traversa. Da parte nostra ci tenevamo a fare una partita senza concedere niente all’avversario, al di là della punizione dove dovrebbe esserci stato un intervento a gamba tesa sul nostro portiere. Sarebbe stata una beffa perdere questa partita. Pareggio giusto? Il Novara si è chiuso molto bene, concedendo davvero poco. Ha concesso davvero poco spazio ai nostri attaccanti e di conseguenza abbiamo creato meno rispetto al nostro solito. Il pareggio alla fine è il risultato giusto. Nel primo tempo perdevamo troppo campo in alcune situazioni e mi dava un po’ fastidio. Dopo un quarto d’ora siamo riusciti a prendere in mano la partita fino alla fine».