Connettiti con noi

News

Parma, deferito Leonardi per plusvalenze fittizie

Pubblicato

su

latina leonardi maietta comune
Ascolta la versione audio dell'articolo

Il caos intorno al Parma in questi ultimi anni non ha mai trovato riposo. Tocca ancora al dirigente Leonardi

PLUSVALENZE FITTIZIE – Pietro Leonardi, ex amministratore delegato del Parma, finisce ancora sotto accusa. E’ stato infatti deferito dal Procuratore Federale al Tribunale Federale Nazionale, insieme ad altri 11 dirigenti. I provvedimenti riguardano le operazioni di compravendita dei cartellini che il Parma ha realizzato con altri club quali Inter, Novara, Ascoli, Vicenza, Brescia, Padova, Cesena e Siena. Tecnicamente sarebbero state messe a bilancio operazioni per un valore economico che poi, effettivamente, non è transitato dalle alle casse dei vari club coinvolti nell’irregolarità giuridica.

PROVVDIMENTI – In un comunicato pubblicato dalla Figc si legge del deferimento per responsabilità diretta di 4 club: Brescia, Cesena, Novara e Vicenza. Oltre alla nota sul direttore Leonardi: «La violazione dell’art. 1 bis, comma 1, del vigente Codice di Giustizia Sportiva e dell’art. 8 commi 1, 2 e 4 del vigente Codice di Giustizia Sportiva in relazione all’art. 19 dello statuto federale per aver contabilizzato nel Bilancio al 30 giugno 2012 della società Parma FC SpA plusvalenze fittizie di € 11.674.517 in relazione alla cessione dei diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori Niccolò Galli (plusvalenza di € 3.875.000), Alberto Galuppo (plusvalenza di € 2.400.000), Joel Obi (plusvalenza di € 3.400.000 e Eloge Koffi Yao Guy (plusvalenza di € 1.999.517».