Perisic raddrizza il tiro: «Mai pentito di aver scelto l’Inter. Sono rimasto grazie a Spalletti»

Perisic raddrizza il tiro: «Mai pentito di aver scelto l’Inter. Sono rimasto grazie a Spalletti»
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo le parole al vetriolo degli scorsi giorni, Ivan Perisic ha raddrizzato il tiro e nella lunga intervista a “Fuor Four Two” spiega la sua esperienza nerazzurra

L’anticipazione alla lunga intervista che Ivan Perisic aveva rilasciato alla rivista “Four Four Two” aveva fatto discutere. Ora che le sue parole sono state riportate integralmente si ha un’idea più chiara di quanto volesse far filtrare il croato. Perisic ripercorre infatti la scorsa estate, quando era vicinissimo a lasciare l’Inter: «Quando Spalletti è arrivato, ero molto vicino a lasciare il club. Ma lui ha sempre mostrato un tremendo desiderio di trattenermi in squadra e ha anche spiegato apertamente che non voleva perdermi. Ovviamente è stato qualcosa che mi ha lusingato e incoraggiato, e non ho mai rimpianto la decisione di rimanere all’Inter, nemmeno per un solo secondo. Ha fatto ovviamente la differenza per i nostri risultati, riportando l’Inter nel mezzo dell’élite dei club d’Europa. È vero, c’era un’offerta del Manchester United sul tavolo ed ero molto vicino ad andare via dall’Inter. Ma alla fine ho deciso di restare e la perseveranza di Spalletti nel tenermi ha giocato un ruolo importante. Nel calcio, i piccoli dettagli rappresentano la chiave in situazioni del genere».

Il croato ribadisce anche la sua intenzione di andare a giocare in Premier: «Mai dire mai nel calcio. Dall’inizio della mia carriera ho avuto l’ambizione di giocare nel maggior numero di grandi campionati possibili. E ho ancora il desiderio di testarmi in altri tornei, come quello spagnolo o inglese. Spero che i tifosi dell’Inter possano capire il mio punto di vista. Sono un atleta e sono un professionista, mi piacciono le sfide e questa è la mia forza trainante. Cosa porterà il futuro non lo so, adesso sono concentrato sull’Inter. Stiamo provando a fare un passo avanti ancora più grande rispetto alla scorsa stagione».

Sulla vittoria del Pallone d’Oro da parte del suo amico e compagno di Nazionale Modric, Perisic non può che avere parole al miele: «Sono estremamente orgoglioso del fatto che sia stato nominato miglior giocatore del mondo, penso che l’intera Croazia debba esserlo del fatto che uno di noi sia il migliore tra i migliori. Ha vinto la Champions per il terzo anno di fila con il Real Madrid, è arrivato secondo al Mondiale con la sua Nazionale, è stato nominato miglior giocatore del Mondiale ed è il faro del Real che senza di lui non è la stessa squadra. Ogni premio che ha vinto è pienamente meritato, un anno così pieno di successi è molto raro. Sa esattamente cosa fare col pallone, è fantastico avere un compagno che ha un’intelligenza e una comprensione del gioco così elevate. So che finché riuscirò a farmi trovare in buona posizione mi saprà fornire palloni perfetti. ha una visione unica del gioco, riesce sempre a trovare la maniera perfetta per servire i compagni al momento giusto»