Zaza come Higuain: dopo Levante-Valencia esplode la rabbia del bomber!

Zaza come Higuain: dopo Levante-Valencia esplode la rabbia del bomber!
© foto www.imagephotoagency.it

Botta e risposta tra l’attaccante italiano e il suo allenatore che alla fine del derby pareggiato 1-1- con il Levante lo ha costretto ad andare a salutare i tifosi sotto la curva

Pomeriggio di frustrazione quello vissuto ieri da Simone Zaza. Titolare nelle prime tre partite, l’attaccante è stato mandato in panchina da Marcelino nel derby contro il Levante.
L’ex Juve non l’ha presa bene e la sua giornata è trascorsa con un variegato botta e risposta a distanza con Marcelino, allenatore del Valencia. Zaza ha deciso di effettuare da solo il riscaldamento pre partita, che per i panchinari è facoltativo, e la cosa è stata notata. Simone è entrato al 73′ per Santi Mina e il risultato, già sull’1-1, non è cambiato. Al fischio finale mentre i compagni andavano a salutare i propri tifosi Zaza scuro in volto si è diretto verso il tunnel degli spogliatoi. Marcelino se n’è accorto ed è corso a fermarlo ordinandogli di andare con i compagni sotto la curva a salutare i tifosi.
In conferenza stampa poi l’allenatore ha rincarato la dose con l’ex Juventus: « Guardando come ha giocato Santi è come ha giocato Simo non ho dubbi sul fatto che rifarei la stessa scelta. Punto su chi considero migliore per ogni gara partendo da ciò che vedo in allenamento, in campo e in considerazione del rivale. Posso azzeccare o sbagliarmi, però lo faccio pensando di schierare la formazione migliore per vincere. E ripensando alla gara col Levante sicuramente penso di aver fatto le scelte giuste, Santi ha partecipato moltissimo al gioco in senso tattico»
Il rapporto tra Zaza e Marcelino non sembra incrinato, visto che fino a qui è stato molto proficuo e produttivo. Chiaro è il messaggio che Marcelino vuole far passare al gruppo sulle dinamiche e le priorità tra singoli e squadra.