Zidane presenta Juventus-Real Madrid: «Partita aperta. Su Isco e Bale…»

zidane real madrid
© foto www.imagephotoagency.it

Juventus e Real Madrid si sfideranno nella finale di Champions League. Ecco le parole in conferenza stampa di Zinedine Zidane alla vigilia

Intervenuto in conferenza stampa al fianco di Sergio Ramos e Marcelo, il tecnico del Real Madrid Zinedine Zidane ha presentato la sfida contro la Juventus di Massimiliano Allegri in programma domani alle 20.45 al Millenium Stadium di Cardiff, finale di Champions League 2016/2017: «Non c’è pressione: noi viviamo con questo genere di pressioni da sempre, da giocatore e da allenatore. Tutti sanno cos’è il Real Madrid, ci danno sempre per favoriti nelle finali: non è così, in una finale secca può succedere di tutto. Nessun favorito per domani: abbiamo entrambe il 50% di possibilità. Mi sto godendo ogni momento: è un’esperienza fantastica allenare il Real Madrid. E’ bellissimo disputare un’altra finale dopo quella di Milano, siamo pronti per giocare la gara di domani. Come gestirò la rosa domani? E’ difficile per me, ci sono calciatori a cui non chiederò neanche di indossare i pantaloncini perchè non verranno in panchina. La novità di quest’anno è che potranno sedere in panchina ma non potranno giocare: sei miei calciatori si troveranno in questa posizione. Fa parte del mio lavoro. Qual è l’apporto di Cristiano Ronaldo alla squadra? E’ soprattutto un bravo ragazzo: si preoccupa degli altri. Ciò che conta è ciò che fa a livello professionale, lui vuole sempre di più e non si accontenta mai: sia in partita che in allenamento, questo è il suo principale contributo alla squadra. Vuole sempre vincere: ha qualcosa dentro che lo rende un leader nato in campo. Juventus giocherà chiusa? Non credo, credo che sarà aperta da entrambe le parti: conosco il metodo Juventus e lo stile di gioco. C’è lo stile catenaccio, ma la Juventus non è solo questo. Chi giocherà tra Isco e Bale? Non lo dico. Possono giocare insieme, può succedere di tutto: ciò che conta è che quando vedo i miei calciatori a disposizione, che siano tutti pronti. Non intendo solo da un punto di vista fisico, ma anche mentale: fisicamente siamo a un livello molto alto, vedremo domani come giocheremo».