Amichevole, Italia – Argentina: le pagelle

© foto www.imagephotoagency.it

Higuaìn migliore in campo, DIamanti ed Insigne cambiano l’Italia. Dall’inviato allo Stadio Olimpico Massimiliano Bruno

AMICHEVOLE ITALIA ARGENTINA PAGELLE – Ecco le pagelle della sfida tra Italia ed Argentina, terminata sul risultato di 2-1 per la nazionale di Sabella.

Italia

Buffon 6 – Subisce due reti ma non gli sono addebitabili colpe particolari.

Maggio 6.5 – Nella prima frazione di gara – insieme a Candreva – è il migliore dell’Italia per distacco: la catena di destra funziona alla perfezione in chiave offensiva e tutte le azioni azzurre passano da lì: qualcosa concesso in fase difensiva a Di Maria e sulle ripartenze ad Higuain che si è spesso allargato sul suo fronte.

De Rossi 5.5 – Parte bene ed esce dalla difesa palla al piede in ottimo stile: leggerino invece in marcatura su Higuain in occasione della rete del Pipita. A sua discolpa c’è la solita storia: è un ruolo che non gli appartiene per natura.

Chiellini 5.5 – Non nella migliore delle sue giornate: sembra soffrire particolarmente il moto degli attaccanti argentini ed è meno aggressivo del solito.

Antonelli 5.5 – Molto più timido rispetto a Maggio: affonda raramente la falcata e non è affatto impeccabile su Lamela. Meglio nella ripresa.

Montolivo 5 – Prestazione piuttosto incolore: non garantisce alla squadra quell’apporto di qualità atteso.

Verratti 6 – Parte in sordina, a dire il vero piuttosto maluccio: poi, complice il calo dell’Argentina, cresce e prova a prendere in mano il pallino del gioco.

Marchisio 6 – Il più attivo del terzetto di centrocampo: è dinamico e tenta un paio di conclusioni seppur ribattute dalla retroguardia sudamericana.

Candreva  6.5 – Quella con Maggio sembra essere un’intesa naturale: gli detta le sovrapposizioni o sfrutta i suoi movimenti per guadagnarsi spazio. Tutte dai suoi piedi le azioni azzurre nel primo tempo.

Giaccherini 5.5 – Altro giocatore rispetto alla bellissima Condederations Cup: non trova la posizione per incidere.

Osvaldo 6 –Si batte come un leone e favorisce il gol di Insigne matenendo una palla sporca: ha fisico e tecnica per incidere, ha perso qualcosa in termini di fiducia.

Marchetti 7 – Subito un grande intervento su Higuain, poi uno clamoroso su Rodriguez. In stato di grazia.

Aquilani 6 – Fatica ad entrare nel vivo del gioco.

Florenzi 6.5 – Più reattivo rispetto ai compagni di reparto che lo hanno preceduto: pressa a tutto campo e si conferma pedina affidabile.

Diamanti 7 – Con Insigne cambia la partita: tutta un’altra musica rispetto a Giaccherini, è pericolosissimo come sempre da calcio piazzato.

Insigne 7 – Il suo ingresso cambia l’attacco dell’Italia, lo scugnizzo trova un gol spettacolare ad un quarto d’ora dal termine

 

Argentina

Andujar 6.5  – Parata miracolosa su una punizione di Diamanti, non può nulla sul gol di Insigne.

Campagnaro 6 – Benissimo nel primo tempo, in sofferenza su Insigne nella ripresa.

Fernandez 6 – Gioca sicuramente più tranquillo di quanto gli accade con la maglia del Napoli.

Garay 7 – Fisico ma anche velocità e tempi d’anticipo: difensore in grande crescita almeno con la maglia dell’Argentina.

Basanta 6 – Come Campagnaro, benissimo in avvio ed un po’ in calo con lo scorrere dei minuti.

Lamela 6 – Assist ad Higuain e poco altro ma il giocatore della Roma non era in perfette condizioni fisiche: lascia la partita al termine del primo tempo.

Mascherano 6.5 – Il prototipo del centrocampista completo: fase d’interdizione eccellente, tempi della manovra altrettanto. Le ambizioni dell’Argentina passano inevitabilmente – tanto – dal suo valore.

Biglia 6 – Corre per tre e sembra essere questa la sua qualità più importante.

Di Maria 6.5 – Giocatore di qualità, abbina velocità d’esecuzione a talento e il risultato è decisamente apprezzabile: parte fortissimo, cala alla distanza.

Palacio 6 – Fallisce un gol clamoroso a tu per tu con la porta ma il suo movimento è perpetuo e si intende bene con Higuain. Prova nel complesso appena sufficiente.

Higuain 7.5 – Spettacolare, fa tutto perfettamente. A lasciare basiti è la sua intelligenza nella lettura delle situazioni di gioco: freddo e spietato in occasione del gol, ha la qualità per suggerire le finalizzazioni dei compagni. Assist a Banega (bello almeno quanto il gol) e tanti altri a Palacio e Di Maria. I tifosi partenopei già si leccano i baffi.

Banega 7 – Entra e segna, realizzando un gran gol: il giocatore c’è ed è di livello assoluto.

Rodriguez 6 – Vicino al gol, glielo nega uno strepitoso Marchetti.

Lavezzi 5 – Fuori partita, sbaglia tutto ciò che può sbagliare.

Coloccini s.v.

A.Fernandez s.v.

Alvarez s.v.