Cosenza, prevista un’amichevole per domani

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Se ne sono andate due settimane tonde tonde di ritiro. Tra Celano e Pescina il Cosenza Calcio ha trovato strutture attrezzate, cortesia, simpatia e disponibilità e sta lavorando come meglio non potrebbe. Certo, l’ideale sarebbe avere la rosa al completo già da adesso ma non si può avere tutto dalla vita…

La cronaca di giornata riferisce di un’altra intensa e proficua doppia seduta di allenamenti. Di mattina lavoro sulla forza in palestra e di pomeriggio possessi palla ad altissima intensità e partitella finale allo stadio “Barbati“. Manolo Mosciaro non si è allenato per un fastidioso mal di schiena ma niente di preoccupante. Primo allenamento, nel pomeriggio, invece, per il nuovo arrivato Nicholas Guidi, che avrà bisogno di qualche giorno per mettersi al passo con gli altri e che oggi si è limitato a fare da “jolly” nei serrati possessi palla della squadra.

Mister Cappellacci lavora molto su questo fondamentale e varia continuamente il menù per i suoi uomini. Cinque contro cinque, sei contro sei ma soprattutto su due campi alternati, con improvvisi “sconfinamenti” da una parte e dall’altra. Il tecnico dà il via libera, in pratica, ad una “confusione organizzata”, che poi è la massima aspirazione di ogni allenatore che voglia dare un po’ di sana imprevedibilità alla manovra della sua squadra. I ragazzi lo hanno seguito con grande attenzione e alla fine del “galoppo” Cappellacci, il suo vice Ianni e il preparatore atletico Bruni erano visibilmente soddisfatti per l’andamento delle prove. Finale con una partitella dieci contro dieci decisamente di “scarico” dopo tutta la fatica fatta sui possessi palla.

Domani alle 17,30 allo stadio “Barbati” di Pescina il Cosenza giocherà la sua terza amichevole stagionale contro l’Amiternina, formazione che milita in Serie D e che rappresenterà il test più probante tra quelli effettuati finora.

Sempre domani, come anticipato, in ritiro ci sarà anche l’amministratore delegato Domenico Quaglio, che, insieme al direttore generale Ciccio Marino, metterà nero su bianco i tesseramenti dei calciatori.