Connettiti con noi

Champions League

Gilardino: «Milan, ecco le tue armi per vincere ad Anfield. Su Ibrahimovic…»

Pubblicato

su

Gilardino

Alberto Gilardino, ex attaccante del Milan, spiega come la squadra di Atene sia diversa da quella di oggi. E sul Liverpool…

Alberto Gilardino, ex attaccante del Milan, ha parlato della sfida contro il Liverpool sulle colonne de La Gazzetta dello Sport.

MILAN DI OGGI COME QUELLO DI ATENE – «Quello era un gruppo di campioni consolidato, in cui entravano di anno in anno i migliori giovani in circolazione, nessuna scommessa rischiosa. Ancelotti era eccezionale, per valore tecnico e mentalità. Oggi è cambiato tutto: il mercato, la concorrenza. Questo Milan sta seguendo una politica che mi piace ma a cui va dato tempo».

PIOLI – «Mi ha allenato a Bologna, è preparato sul campo e nella gestione. Oggi è ancora più esperto, saprà come provare a diminuire l’intensità degli avversari, a placare la loro ferocia. Ci sarà da soffrire ma sapranno anche metterli in difficoltà: il Milan farà una gran partita. Chi temo di più è Salah, mio compagno a Firenze: velocità supersonica, spacca in due le partite. E Klopp mi piace, è pratico, diretto».

IBRAHIMOVIC – «E’ una roccia. Il fisico lo sostiene ma arrivi a quel livello alla sua età solo se ti trascina l’ambizione».

IBRA INSIEME A GIROUD – «Si possono completare: è più Ibra quello che va in giro per il campo e che sa come mandare in gol gli altri. Giroud è un finalizzatore, l’esperienza internazionale parla per lui. Per vederli in coppia sarà fondamentale l’equilibrio di squadra».

GIOCATORI PRONTI AD ESPLODERE – «Tonali. Dopo una stagione di assestamento, questo potrà essere il suo anno».

MILAN-LAZIO – «Sarri è un maestro, si scontrano due diversi modi di interpretare il ruolo di allenatore. A Immobile cosa si può dire dopo aver vinto Europeo e Scarpa d’Oro? Gioca alla sua maniera, la Lazio lo esalta».

GILARDINO ALLENATORE – «Cerco di trasmettere il mio credo: intensità, aggressione, coperture preventive, recupero immediato di palla. Il risultato arriva dalla prestazione e dall’equilibrio. Voglio essere concreto. Ho avuto tanti altri maestri: da Gasperini a Prandelli, a Lippi. Ma quando tocca a te, devi metterci solo del tuo».

NUOVE AMBIZIONI – «Non avrei mai iniziato se non puntassi il più in alto possibile. Servono opportunità, bravura, fortuna: darò il mio duemila per cento. Non pensavo mi piacesse così tanto e sono stato fortunato a ripartire da Siena con un direttore speciale come Perinetti. Dopo il ripescaggio l’obiettivo è ritagliarci un posto al sole nel girone più duro della Lega Pro».