Ag. Koulibaly: «Rapporto ottimo con De Laurentiis, è il mio idolo»

napoli koulibaly
© foto www.imagephotoagency.it

L’agente del senegalese a Radio Crc: «Non so se Koulibaly giocherà domani, ha bisogno di riadattarsi. ADL? E’ il mio idolo»

Ultimamente in calo di prestazioni in campo, il difensore del Napoli Kalidou Koulibaly potrebbe finire in panchina in occasione dell’impegno di domani contro l’Atalanta. L’agente del giocatore Bruno Satin è consapevole di quanto sia difficile il rientro dopo la Coppa d’Africa e non fa drammi se si parla di turnover: «Ho parlato un po’ con Kalidou e mi ha detto che dopo la coppa d’Africa aveva bisogno di riadattarsi al gioco e al clima. Non so se domani giocherà o meno – ammette ai microfoni di Radio Crc – ma è logico quando ci sono tante partite che Sarri faccia turnover, accade in tutti i top club». L’agente prosegue parlando della stagione che i partenopei stanno vivendo e degli obiettivi che potranno raggiungere: «Stanno arrivando le partite che contano, tutte pesanti, però il Napoli dopo Madrid è tornata la squadra di prima. Anche in Coppa Italia il Napoli dovrà rispondere in maniera positiva e lo può fare solo essendo consapevole del proprio valore. Il Napoli non deve avere paura di nessuno perché gioca bene e deve approfittare anche del momento fisico che sta vivendo. Da qui a un mese sapremo dove sarà questo Napoli».

MISTER E PRESIDENTE – Un maestro di calcio come Maurizio Sarri è l’arma in più per gli azzurri: «Sarri a Napoli ha fatto un ottimo lavoro, è arrivato nel calcio che conta e sicuramente qualcuno si sarà accorto di lui». Lo stesso tecnico, però, negli ultimi tempi ha avuto qualche problema nel rapporto con la società. Dopo il 3-1 incassato in Champions League dal Real Madrid c’è stato un battibecco con il presidente, ma per Satin De Laurentiis non si discute: «A volte il rapporto è complicato con De Laurentiis -spiega – e questo può essere un problema. Il mio rapporto con lui, tuttavia, è ottimo: De Laurentiis è il mio idolo. E’ un uomo molto intelligente e credo che siamo fatti per lavorare insieme. A Napoli il calcio è una cosa seria e non ci si deve scherzare troppo su».