Connettiti con noi

Calciomercato

Wanda Nara: «Trattavo io, Icardi non sapeva niente»

Pubblicato

su

wanda nara inter
Ascolta la versione audio dell'articolo

Dopo il rinnovo di Icardi con l’Inter, Wanda Nara parla in un’intervista delle tappe che hanno portato all’accordo e delle trattative estive con Juventus e Napoli (trattative di cui Icardi pare fosse all’oscuro). Il futuro dell’ex showgirl argentina ora è da manager: «Due argentini e un italiano dell’Inter adesso mi vorrebbero come procuratrice, ho rinunciato alla tv»

Ormai è lei la manager di Mauro Icardi: Wanda Nara, moglie dell’attaccante argentino dell’Inter, è uscita allo scoperto già da qualche mese. L’ex showgirl argentina è l’artefice del rinnovo, siglato ieri, dell’attaccante nerazzurro. In estate la Nara era stata la donna del mercato, approcciata sia dal Napoli che dalla Juventus. In una intervista esclusiva a SportWeek oggi ha raccontato gli inizi: nel 2014 Icardi le aveva chiesto di curare i suoi interessi (già si occupava della sua immagine) e, quell’estate, curò i dettagli del primo rinnovo dell’attaccante. Fino a quest’anno… «L’Inter non si trovava in ottimo momento e doveva rispettare i parametri del Fair Play Finanziario, Mauro è stato bravissimo: ha rinunciato a due offerte enormi perché credeva molto nel progetto di Roberto Mancini, ma quante litigate con Piero Ausilio! – racconta la Nara – . Il primo giorno di mercato l’ho chiamato: “Ti ricordi la promessa dell’anno scorso?”, e lui: “Wanda ci risentiamo”. A quel punto ho preteso la verità. Non si sa a quanti soldi, tantissimi, Mauro ha rinunciato per restare all’Inter, ma ti giuro sui miei figli che non aveva idea di quello che stavo facendo».

WANDA NARA: «NON SOLO ICARDI…» – A questo punto la Nara narra della Juventus, che ha cercato Icardi fino a due minuti prima di chiudere per Gonzalo Higuain, e del Napoli, che in maniera quasi scenica ha provato a mettere sotto le luci della ribalta la trattativa (proponendo tramite Aurelio De Laurentiis perfino un film alla stessa Wanda). Adesso tutti vogliono Nara (lei dice): «Due nazionali argentini e un nazionale azzurro che gioca nell’Inter», chiarisce. La Nara spiega di non essersi mai pentita di un tweet, piuttosto di non averne scritti tanti, e di essere ormai proiettata sulla carriera da procuratrice mollando quella televisiva. Si definisce più sexy o intelligente? «Purtroppo sono più intelligente». Meglio così.