Connettiti con noi

Calcio italiano

Galliani: «Serie A campionato di passaggio. Milan da scudetto, su Allegri e Lukaku…»

Pubblicato

su

Galliani

Adriano Galliani, ad del Monza, ha concesso una lunga intervista parlando di mercato e del calcio italiano: le sue parole

Intervistato dal Corriere della Sera, l’ad del Monza Adriano Galliani ha parlato del mercato italiano e della Serie A, soffermandosi poi sugli obiettivi della squadra brianzola:

RICORDI – «Ho svolto il mio primo mercato nel novembre del 1975: ero da poco dirigente del Monza e all’epoca esisteva una finestra di trattative a novembre che durava una settimana. Il primo colpo fu Ariedo Braida. Da allora, fatta eccezione per le due sessioni nel 2017 (l’anno della cessione del Milan a Yonghong Li, ndr), ho sempre condotto trattative».

ULTIMO MERCATO – «Indubbiamente ha inciso la crisi causata dal Covid. Tre sono le fonti di guadagno per un club: la biglietteria che si è azzerata, gli sponsor che hanno ridotto gli investimenti e i diritti tv. Globalmente il movimento ha subito perdite del 30% a fronte di costi rimasti inalterati. Il tutto in un contesto in cui il comparto calcistico italiano ha perso peso nel panorama europeo».

SPIEGAZIONI – «Il mercato è figlio dei ricavi che sono cambiati da nazione a nazione in base agli introiti da diritti tv. Negli anni Sessanta, quando la voce dei diritti tv non pesava sui bilanci dei club, e la maggior parte dei ricavi erano dal ticketing i grandi club avevano fatturati simili. Eusebio iniziava e terminava la carriera nel Benfica, così Cruijff nell’Ajax e Rivera nel Milan. Con la vendita dei
diritti televisivi si è aperta la forbice tra i club di Paesi diversi. La Premier, per dire, fattura tre volte e mezzo il campionato italiano. Ecco perché lì vanno i giocatori migliori».

PERDITE SERIE A – «Mica si può dare la colpa ai dirigenti di Milan, Inter e Juventus. Nel 1990 quando terminò il primo contratto che Marco Van Basten aveva firmato con il Milan e il suo maestro Crujff lo chiamò a Barcellona ebbi la forza di proporgli un tale rinnovo da farlo restare. Ora che il Barcellona fattura quattro volte il Milan non sarei più in grado».

TRATTATIVE COMPLICATE – «Ma certo, le forze in campo sono molto differenti. All’epoca le proprietà non erano asiatiche o degli Emirati: le società erano di ricchi signori delle città di riferimento. La
verità è che prima il campionato italiano era di arrivo , ora solo di passaggio».


COSA FARE – «Pazienza, si gioca con altri calciatori. Bisogna rassegnarsi alla fuga dei top nei campionati o nei club che hanno dimensioni economiche differenti. Del resto bisogna considerare un altro aspetto fondamentale nella questione dei diritti: si vendono nei Paesi dove si parla la stessa lingua del campionato di riferimento».

RINNOVO DONNARUMMA – «Sono stati bravi a trovare un altro portiere: ripeto, non ci sono più le condizioni per competere con certi club come il Psg. Io ho avuto la fortuna di avere alle spalle un azionista come Silvio Berlusconi e uno scenario di concorrenza completamente diverso. Potevo comprare i migliori del mondo, il 1 luglio del 2007 eravamo primi nel ranking della Uefa. Ora non sarebbe più possibile».

ARRIVARE A SCADENZA – «Prima puntavano ad allungare il contratto perché nessun’altra società avrebbe garantito loro stipendi superiori e miravano a mettersi al riparo. Ai miei tempi nessuno dal Milan partiva a parametro zero, perché non esistevano club che con i soldi potevano mettere in crisi la loro fedeltà».

COLPA SOLO DEI DIRITTI TV – «Certo che no. Sono anche gli stadi a segnare la differenza: mi chiedo come sia possibile che l’Italia, Paese di imprenditori, non riesca a costruire impianti di proprietà. Colpa loro? Non penso. Poi bisogna anche dire che siamo un Paese povero, con gli stipendi più bassi d’Europa. Mica riusciremmo a ottenere entrate da 6-7 milioni a partita come in Premier».

CORSA SCUDETTO – «Premesso che reputo un colpo di genio quello della Roma di arruolare Mourinho,
credo che le milanesi, le romane, il Napoli, la Juventus e l’Atalanta sono in corsa per i primi sette posti. Poi con quale graduatoria non saprei».


MILAN – «Siccome resto un tifoso pazzo, spero che il Milan vinca il campionato».

CESSIONE LUKAKU COME IBRA E THIAGO SILVA – «Assolutamente sì ma davanti a 115 milioni, come quelli offerti all’Inter dagli inglesi, come puoi opporti?».

ALLEGRI – «Max è un grandissimo allenatore. Non so che situazione societaria ha trovato a Torino ma voglio ricordare che lì ha già vinto cinque scudetti e fatto due finali di Champions».

BALOTELLI – «Gli voglio molto bene ma anche a lui ho detto di nutrire il rimpianto che con le sue qualità tecniche avrebbe potuto fare molto di più».

OBIETTIVI MONZA – «La promozione in A, sfumata lo scorso campionato per un solo gol. Un mare di città lombarde sono state almeno una volta nella storia nel massimo campionato. Speriamo di portarci il Monza, anche se in questa stagione la concorrenza è più nutrita».

SINDACO DI MILANO – «Non rispondo: questa è un’intervista che riguarda il mercato. Calcistico, non politico».