Connettiti con noi

Juventus News

Juventus voto 6.5: mille difficoltà, ma altri due trofei sono finiti in bacheca

Pubblicato

su

Il 2021 della Juventus non è stato sicuramente un anno facile, che ha visto l’ennesimo cambio in panchina: sufficienza però raggiunta

Volge al termine il 2021 della Juventus. Un anno che ha visto i bianconeri cedere lo scettro di campioni d’Italia dopo ben nove scudetti consecutivi, con il titolo che è tornato nella bacheca dell’Inter guidata da quel Conte che nel 2012 aveva avviato il ciclo di vittorie. Un’annata difficile per Madama, che ha visto in estate l’ennesimo cambio di panchina, con il ritorno alla guida di Massimiliano Allegri, uno che a Torino ha fatto vedere di sapere come vincere (e rivincere).

Fallito l’esperimento Pirlo, con un quarto posto che vuol dire Champions League raggiunto solamente all’ultima giornata per il rotto della cuffia, complice il passo falso del Napoli con il Verona. Evidentemente non pronto per una panchina di tale portata, il Maestro è comunque riuscito a portare a casa una Supercoppa Italiana e una Coppa Italia. Due trofei nella stagione peggiore dell’ultimo decennio: mica male no?

Il ritorno di Allegri, fino ad ora, non ha comunque dato la svolta sperata, se non nelle ultime uscite. Tante le difficoltà per la Juve, rimasta anche orfana del suo bomber principe Cristiano Ronaldo, che ad agosto ha deciso di fare ritorno in quella Manchester che lo aveva lanciato nel grande calcio. Ora, per risollevarsi ulteriormente e centrare almeno un posto nella massima competizione europea, la Vecchia Signora ha assoluto bisogno di riprendersi. E di una mano dal mercato. In cerca di un attaccante, Cherubini deve fare i conti con i 30 gol l’anno venuti improvvisamente a mancare. Il sogno resta Vlahovic, ma almeno a gennaio bisognerà accontentarsi di una soluzione d’emergenza. Un 6.5 complessivo, almeno per i due trofei in bacheca, è comunque meritato.