Malagò: «Sport? Qui ci si occupa solo dei pezzi di carta»

Iscriviti
Malagò
© foto www.imagephotoagency.it

Giovanni Malagò, presidente del CONI, è intervenuto nel corso dell’assemblea della FIGC per esprimere la propria opinione

Giovanni Malagò, presidente del CONI, è intervenuto nel corso dell’assemblea della FIGC per esprimere la propria opinione sul calcio italiano.

«L’obiettivo deve essere comune. Sappiamo benissimo che sotto il profilo dei numeri e dell’importanza non c’è partita con gli altri organismi. Ovunque vai ti chiedono e ti parlano di calcio. La Federcalcio non può rappresentare tutto quello che è il suo potenziale se non sarà vicino al Coni e lo stesso vale per il Comitato Olimpico. Avevo delle perplessità su come potesse riprendere il calcio, sia professionistico che dilettantistico. Faccio i complimenti a Gravina e anche a Sibilia, entrambi hanno sostenuto l’indispensabilità di mettere in moto la macchina. Se non si fa squadra portando a casa una grande competizione come un Europeo, un Mondiale o un’Olimpiade estiva nei prossimi anni, non si risolverà mai il problema degli stadi in Italia. Chi è oggi qui penso che si è reso conto che più passano gli anni e meno ci si occupa di sport e sempre di più dei pezzi di carta».