Connettiti con noi

Focus

Napoli, Osimhen e l’etichetta da vero bomber: con Spalletti è pronto a esplodere

Pubblicato

su

Napoli

L’attaccante del Napoli Victor Osimhen è pronto a esplodere in zona gol e con Spalletti ha trovato l’allenatore perfetto per farlo

La prima stagione di Victor Osimhen non è stata delle migliori. Il nigeriano ha finito in crescendo, ma fino a fine marzo le sue prestazioni erano state molto negative anche a causa dell’infortunio alla spalla subito in Nazionale lo scorso novembre e poi per la positività al Covid-19. Solo sul finire del campionato, l’attaccante che il Napoli aveva acquistato per fior fior di milioni ha cominciato a far vedere le sue vere qualità chiudendo poi l’annata con 10 gol e 3 assist in 24 presenze in Serie A. Ora Osimhen è intenzionato a confermare l’ottimo finale di stagione e proseguire nella sfilza di reti anche nel nuovo campionato alle porte. E a dare una spinta importantissima all’ex Lille sarà sicuramente Luciano Spalletti, neo allenatore azzurro che in carriera ha sempre fatto esplodere i suoi numeri 9 in zona gol.

OSIMHEN BOMBER PER SPALLETTI – Nella prima uscita estiva, Osimhen ha subito messo a segno 4 reti con la Bassa Anaunia. Non certo un avversario di alto rango, ma utile a capire la strada che ha imboccato sia l’attaccante che Spalletti. Sotto la guida del tecnico toscano, le punte hanno sempre reso al massimo; a partire dalla stagione 2006/2007 quando l’allenatore trasformò Francesco Totti in un vero e proprio bomber piazzandolo al centro dell’attacco permettendogli di segnare 26 gol, che consentirono alla bandiera della Roma di vincere la Scarpa d’oro. Sempre alla Roma, nel campionato 2016/2017, Spalletti portò Edin Dzeko a vincere il titolo di capocannoniere in Serie A con il bosniaco che trovò la via della rete per 29 volte. Stessi gol segnati da Mauro Icardi l’anno successivo con l’allenatore passato all’Inter: 29 marcature per l’argentino, che ancora oggi ha in quella la sua miglior stagione in termini realizzativi. Osimhen spera allora di ripercorrere le orme degli attaccanti allenati da Spalletti, riuscendo così a guadagnarsi quell’etichetta di vero bomber che fino a questo momento è riuscito solamente a sognare.