Roma saluta Manolas e Paredes: lo Zenit chiude ma il Chelsea ci prova

manolas-inter
© foto www.imagephotoagency.it

Calciomercato Roma: Paredes-Manolas primi colpi di Mancini allo Zenit San Pietroburgo. Il Chelsea ci prova

Il Chelsea prova l’inserimento last minute per Manolas. Il difensore è ormai a un passo dallo Zenit ma Conte ci sta provando. Secondo i media britannici i giallorossi hanno ricevuto un’offerta da 40 milioni di euro per il difensore greco. Difficilmente il difensore dirà di no allo Zenit, dopo aver raggiunto l’accordo con il club di Mancini, ma il Chelsea in questi minuti sta facendo un tentativo per provare ad acquistare Manolas.

Manolas-Paredes allo Zenit: dirigenti del club russo arrivati nella Capitale, ore 12.57

È davvero ai titoli di coda l’avventura di Kostas Manolas e Leandro Paredes con la maglia della Roma. I dirigenti dello Zenit San Pietroburgo, come riportato da Sky Sport, sono infatti arrivati nella Capitale in queste ore per chiudere la trattativa. Con il club giallorosso l’accordo c’è già sulla base di 60 milioni di euro, così come con l’entourage di Manolas, bisogna invece limare alcuni dettagli economici con Pablo Sabbag procuratore di Paredes.

La cifra che incasserà la Roma per i due cartellini. L’affare è chiuso – 26 giugno, ore 7

La coppia Paredes-Manolas è pronta a partire in direzione San Pietroburgo. L’affare si farà e la Roma avrà i suoi bei sessanta milioni di euro, a cui si aggiungeranno sette milioni di bonus. Oggi, lunedì 26 giugno, si terranno gli incontri decisivi per riuscire a chiudere l’affare ma le sensazioni sono più che positive. Manolas andrà a guadagnare quattro milioni di euro all’anno, per Paredes invece l’ingaggio sarà di tre milioni e mezzo. Con queste due cessioni e quella di Salah, la Roma in pochi giorni incasserà cento milioni di euro.

Paredes-Manolas tra Zenit e nadir: 60 milioni per la Roma

I primi botti di Roberto Mancini allo Zenit San Pietroburgo (ufficiosi, non ufficiali) sono legati all’arrivo di Kostas Manolas e Leandro Paredes dalla Roma. I due calciatori hanno accettato e ceduto alla corte di Roberto Mancini per giocare nella Russian Premier League, ma senza Champions League, visto il terzo posto in campionato maturato dalla squadra russa. Tutto fatto dal punto di vista degli accordi sotterranei, le prossime settimane saranno decisive per ratificare e ufficializzare il tutto in modo che il 15 luglio possano essere entrambi pronti per il debutto a Chabarovsk, circa 10 ore di aereo da San Pietroburgo. Retroscena importante riportato dal Corriere dello Sport: la cifra che incasserà la Roma per la cessione dei due calciatori della rosa, infatti, è ben più alta di quanto circolato in precedenza. E’ servito un ulteriore rilancio dello Zenit all’ultimo minuto per evitare che saltasse tutto: e così, dai 45 milioni di euro più bonus, si è passati ad un’altra cifra, che parte da una base fissa superiore ai 50 milioni, ma che tra bonus vari ed eventuali può raggiungere la cifra potenziale di 60 milioni di euro nelle casse della Roma. Un malloppo fruttuoso e virtuoso con cui Monchi potrà iniziare a costruire la ‘sua’ squadra.