Ajaccio, accusa: Ravanelli e Ventrone usavano farmaci

© foto www.imagephotoagency.it

Tanti giocatori sottoposti a test anti-doping e l’accusa dal passato che riemerge da un giornale italiano

RAVANELLI VENTRONE AJACCIO – Torna a galla il passato di Fabrizio Ravanelli e Giampiero Ventrone, rispettivamente ex allenatore ed ex preparatore atletico dell’Ajaccio, squadra che hanno lasciato solo qualche giorno fa. I due, ricorderete, qualche anno fa erano stati coinvolti nell’inchiesta per l’utilizzo di farmaci sospetti alla Juventus (Ventrone da preparatore, Ravanelli da giocatore): il processo celebrato a Torino finì con un nulla di fatto e la mezza assoluzione dei bianconeri. 

ACCUSE PESANTI – Ora però “Il Fatto Quotidiano” torna ad accusare i due di utilizzo eccessivo di farmaci. Al termine della partita persa con il Rennes, qualche settimana fa, ben undici giocatori della formazione dell’Ajaccio sono stati sottoposti a controlli anti-doping e qualcuno di questi ha accusato: «Ravanelli e Ventrone volevano darci troppi farmaci». Un sospetto che torna a farsi largo, ma nessuna sentenza è ancora stata emessa.