Bernardeschi: «Sono cresciuto fisicamente. Io erede di Baggio? Dico…»

infortunio bernardeschi
© foto www.imagephotoagency.it

Federico Bernardeschi è l’MVP di Borussia Monchengladbach – Fiorentina, andata dei sedicesimi di finale di Europa League: ecco le sue parole nel post-partita

E’ stato Federico Bernardeschi a decidere Borussia Monchengladbach – Fiorentina, andata dei sedicesimi di finale di Europa League: una punizione del numero 10 ha regalato lo 0-1 ai viola, che ora hanno la strada in discesa nel discorso qualificazione. Ecco le sue parole ai microfoni di Sky Sport: «Punizione? Ci trovavamo in un momento complicato e siamo riusciti a guadagnare questo calcio di punizione. Sopra la barriera non sarebbe mai passata la palla ed ho deciso di tirare dall’altra parte, è andata bene. Erede di Baggio? La strada da fare è tanta, Baggio è stato uno dei calciatori italiani più forti di sempre. Io penso solo al lavoro, mi godo questo successo nel giorno del mio compleanno. Rete più bella in carriera? Sì, penso di sì. Numero 10 della mia generazione? Spero di sì, sarebbe bello ed un orgoglio indossare la maglia numero 10 della Nazionale. Sono cresciuto fisicamente, ora ho tanta forza e tanta esplosività. Un giocatore fa la differenza quando fa certe cose in velocità, ho lavorato molto su questo aspetto. Colloquio con Sousa a fine gara? Sapevamo di aver fatto qualcosa di importanti, ci siamo congratulati e abbiamo pensato alla sfida di ritorno. Mi ha anche un po’ ripreso per gli ultimi due palloni persi, aveva ragione».