C’è un vero complotto, ma a favore dell’Inter. Milan, Roma, Napoli e Juve i mandanti.

© foto www.imagephotoagency.it

Ha ragione Mourinho, nel campionato italiano c’e’ un complotto: per far vincere all’Inter il quinto scudetto consecutivo.
Organizzato in maniera tale da non poter fallire.
I mandanti? Facili i nomi: Milan, Juventus, Roma e Napoli.
Quelle che dovevano essere le avversarie dei nerazzurri nella lotta per lo scudetto hanno deciso di allearsi e far fronte comune: guai a non permettere la conquista del quinto scudetto consecutivo.
Ne andrebbe della credibilità  dell’intero calcio italiano che verrebbe declassato ulteriormente se a vincere il campionato non fosse la squadra di Mourinho.
E per non correre rischi i complottanti si sono alleati e fanno di tutto, come veri “uomini d’onore” e non semplici “quaquaraqua”, per portare a termine il loro luciferino progetto.
La Roma si è chiamata fuori all’inizio e, forse per non destare sospetti, si muove adesso che non può più far niente.
E per non sbagliare ha preso uno mezzo scassato, scartato dal Bayern e manda in Inghilterra un giovane che Domenica contro il Siena ha deciso la partita con un colpo di tacco da far rimanere tutti a bocca aperta.
Il Milan si è inventato un modulo chiamato pomposamente “quattro – due – fantasia” che offre la massima garanzia per emergere in un torneo di beach soccer e sprofondare in uno di calcio.
Contro il Livorno ha rasentato la perfezione. Perfezione che sicuramente raggiungerà  entro non poche partite.
Il Napoli ha buoni giocatori, un discreto allenatore e un presidente che parla, parla e parla ancora.
Si è promesso lo scudetto fra quattro anni e nell’attesa lavora nell’ombra assieme a Galliani, la Sensi e Jean Claude Blanc.
Già , Jean Claude Blanc: si è voluto iscrivere tra i complottanti, ma non ce n’era bisogno.
Avrebbe ottenuto il nulla osta anche se non si fosse impegnato a raggiungerlo.
Ha cambiato allenatore, straparla di terza stella, e nel prossimo mercato vorrebbe mandare sul lastrico la famiglia Elkann con operazioni ancora più stravaganti di quelle riguardanti Grosso, Cannavaro, Melo, Diego, Candreva e Paolucci.
Anche la Fiorentina voleva entrare a far parte dei complottisti, ma l’iscrizione non è stata accettata perchè nessuno ne ha sentito la necessità .
E l’Inter, che dal complotto trae tutti i vantaggi senza nessun svantaggio?
Domenica è andata a Parma e nemmeno è scesa in campo: mica ha bisogno di giocare per guardare il campionato dall’alto in basso.
E c’è addirittura chi sospetta che la neve che ha ricoperto la città  sia stata opera di un complottista.
Uno che sta molto in alto”¦

Fonte: Francorossi.com