Connettiti con noi

2009

Fiorentina, Prandelli: “Condizionati dagli infortuni”

Pubblicato

su

Il tecnico della Fiorentina, Cesare Prandelli, ha commentato a caldo la sconfitta contro la Sampdoria.
L’allenatore gigliato, ai microfoni di Sky, commenta con una punta di amarezza l’ennesimo ko viola: “E’ un periodo così, gli infortuni hanno scombussolato l’equilibrio della squadra, episodi favorevoli non ne ricordo in queste ultime partite ma dobbiamo mantenere grande serenità  e forza e dobbiamo ricordarci che possiamo sicuramente migliorare. Il Bayern? Le note positive sono che sul 2 – 0 non abbiamo rinunciato a giocare ed è l’aspetto più importante, anche nelle sconfitte bisogna tirare fuori il meglio. Tra tre giorni abbiamo una partita importante, ma va affrontata con serenità  perchè siamo andati già  al di là  di dove tutti si aspettavano.”

Il tecnico viola risponde anche a una domanda sull’andamento del mercato, che potrebbe aver indebolito la sua squadra: “Sicuramente sono stati fatti acquisti in prospettiva e ci vuole tempo. Sono ragazzi giovani che si devono ambientare. Noi dobbiamo ritrovare i nostri giocatori che hanno capito l’importanza del gruppo e far crescere tutti. Un’altra punta accanto a Gila? Molto probabilmente la società  ha provato a cercare una punta di esperienza e che conosce il calcio italiano, ma quando vai sul mercato in maniera repentina e veloce in seguito al caso Mutu non è stato possibile prendere quello che uno voleva. Il mio obiettivo è usare quello che ho a disposizione e migliorare velocemente.”

Infine, Prandelli parla dell’atteggiamento della squadra e dei meriti degli avversari, trascinato da un ex viola: “Molto probabilmente dobbiamo cominciare a cambiare un tipo di sviluppo, dando meno riferimenti e magari mettere un centrocampista in più. Nelle ultime partite, soprattutto fuori casa, facciamo fatica e ci manca l’ultima zampata in area di rigore. Pazzini ha fatto un gol straordinario oggi, per quanto riguarda Semioli è bravo ad attaccare l’area di rigore ed ha avuto un po’ di fortuna sulla deviazione. Sono vecchio e quindi gli ex li incontro ad ogni partita, speriamo sia finita (ride, ndr). Chi mi preccoupa del Bayern? Ribery senza dubbio. Oltre ad essere un giocatore straordinario non dà  riferimenti, è un calciatore da grandissima squadra. La Champions? Ci crediamo”