Il derby di Milano si accende: ecco le previsioni di Suma e Biasin

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

L’attesa continua a salire e, ovviamente, tutti i tifosi di Milan e Inter non vedono l’ora di potersi godere uno dei derby più importanti nel corso degli ultimi anni, ovvero quello in previsione domenica prossima, 21 febbraio 2021, alle ore 15.

Un appuntamento che anche tutti gli appassionati di scommesse calcio stanno attendendo con grande ansia, soprattutto per via del fatto che si tratta di un match sempre aperto a qualsiasi tipo di risultato. Per la presentazione di un match che ha un valore così importante, non ci si poteva affidare a due persone che conoscono molto bene tutte le vicende di Milanello e di Appiano Gentile, ovvero Mauro Suma e Fabrizio Biasin, che sono stati intervistati da parte del blog sportivo L’insider

Una rivalità che non ha mai fine

Spesso e volentieri è innegabile come domini il fair play, ma è abbastanza facile intuire come le prese in giro e l’ironia siano alla base anche del tifo e dei sentimenti contrastanti di rossoneri e nerazzurri, che mai come quest’anno sentono molto più vicino il profumo dello scudetto, con una Juventus che è sembrata un po’ alle corde nel corso delle ultime partite.

Detto questo, Biasin ha sottolineato come una delle peculiarità più evidenti legate ai tifosi delle due compagini è rappresentata dalla capacità di saper affrontare con grande ironia questo evento, giocando un po’ con gli sfottò, senza però mai far diventare questo match come se fosse una “battaglia”.

Giusto per non farsi mancare nulla in termini di sfottò, è stato proprio Suma a ricordare a Biasin come il Triplete tanto celebrato e lodato dagli interisti, ha in realtà un vizio di fondo, più che altro a livello concettuale. Partendo dal presupposto che le coppe in bacheca, a livello europeo, non permettono di fare molti confronti, visto che il Milan ne ha vinte ben sette, mentre l’Inter solamente tre, è interessante mettere in evidenza, almeno stando alle parole di Suma, che anche i rossoneri siano stati capaci di centrare dei Triplete.

Sono due le stagioni indicative in riferimento a tale aspetto. La prima è quella del 1989-1990, anno in cui il Milan riuscì nella pazzesca impresa di portare a casa la Supercoppa Europa, la Coppa dei Campioni e la Coppa Intercontinentale. Mentre la seconda risale al 1993-1994, quando il Milan mise le mani su Scudetto, SuperCoppa Italiana e Champions League, davvero niente male per finire in secondo piano come se fosse un “Triplete” di minore importanza.

Entrambe le milanesi fuori dalla Champions

Se Fabrizio Biasin ha voluto dedicare un pensiero particolare al Triplete, sottolineando come, a distanza di anni, sia davvero difficile descrivere un simile momento di goduria, sa perfettamente come, attualmente, i nerazzurri devono migliorare notevolmente a livello europeo.

Anche il Milan non se la passa molto bene, dato che manca da tanto, troppo tempo, dalla Champions League. A ogni modo, i rossoneri adesso si trovano in Europa League, mentre l’Inter è finita fuori dalla massima competizione europea già nel corso della fase a gironi. Per Biasin il motivo è legato a una totale assenza di carattere che si è palesata in maniera evidente nel corso delle partite più importanti, in cui è manca anche la qualità e la capacità di cambiare aspetto tattico, lanciando una frecciatina nemmeno tanto velata all’allenatore della sua squadra del cuore, ovvero Antonio Conte, reso di non aver saputo staccarsi dai suoi dettami tattici.