Inter, Moratti: “Per uscire dalla crisi serve lavorare su tutto”

© foto www.imagephotoagency.it

INTER MORATTI MILAN STRAMACCIONI – Il presidente dell’Inter Massimo Moratti è stato intervistato da Tuttosport, al quale ha rilasciato le seuguenti dichiarazioni: “L’aggancio del Milan deve essere uno stimolo ulteriore. Non deve essere una cosa che spaventa, altrimenti si sta sempre a vedere le vittorie della Lazio e quando i biancocelesti poi perdono si rimanere soddisfatti anche per un pareggio. Per uscire dalla crisi bisogna lavorare su tutto. Mi dicono che la parte atletica va bene, ma certamente si può fare meglio. Anche la motivazione può essere un aspetto da non sottovalutare, come ho detto anche a propostio del Milan. E poi anche sentirsi in mezzo a una bufera, dovrebbe caricarci tutti. Tronchetti Provera ha detto che serve un bagno di umiltà, secondo me sono frasi che si possono dire e che sono sempre vere. Poi a un certo punto della stagione eravamo tutti convinti di poter combattere per il campionato. Adesso dobbiamo centrare la Champions League che è importantissima. Bisogna star vicini a Stramaccioni e seguire le sue mosse perché anche la formazione che ha messo in campo a Siena era tosta nonostante la sconfitta. Non è un problema di modulo, con Mourinho abbiamo vinto tutto adattandoci ogni partita all’avversario. A me basta vincere. Kovacic? Ha personalità. Milito? La sua assenza pesa abbastanza sul nostro gioco. Gli arbitri? Se dite che devo essere poreoccupato allora dovrei esserlo da quindici anni. Di Balotelli penso che arricchisca non solo il Milan manche la Serie A e pure i giornali… E’ molto bravo e gli voglio bene ma non potevamo tornare su di lui.”