Connettiti con noi

Inter News

Inter, Sala: «Sì allo stadio, ma devo avere conferme sulla proprietà»

Pubblicato

su

Inter Milan Sala

Il Sindaco di Milano Giuseppe Sala è tornato sulla questione stadio che si è aperta con l’Inter

Sono stati giorni caldi per l’Inter e non solo per la questione Covid. Con il Sindaco di Milano Giuseppe Sala è infatti cominciata un forte dibattito sulla questione stadio, con il primo cittadino milanese che oggi ha rilasciato una nuova intervista a La Gazzetta dello Sport chiedendo chiarezza ai nerazzurri.

STADIO – «Io credo che lo stadio si debba fare, non ho cambiato idea. L’ho detto con decisione e lo riconfermo: il nuovo San Siro è utile. Ma il punto è un altro e una volta per tutte va chiarito: lo stadio vale meno della metà del progetto immobiliare proposto da Inter e Milan. È davvero così illogico voler sapere chi è quel qualcuno a cui affideremo per diversi anni la rigenerazione del quartiere?». 

REAZIONE INTER – «La reazione mi ha sorpreso: sono dispiaciuto in quanto sindaco e tifoso nerazzurro, che è andato per la prima volta allo stadio 55 anni fa. Mi chiedo se sono mal consigliati e mi verrebbe una domanda da fare al presidente Zhang: in Cina si permetterebbero di rivolgersi alle istituzioni come hanno fatto con me? Io qualche dubbio ce l’ho… Ma voglio fare il bene di Milano, non faccio l’offeso e continuo a dire che lo stadio è una buona opportunità anche per la città: è nostra volontà favorire la costruzione del nuovo stadio e di quello che ci sarà attorno ma quando si va a concludere una trattativa si deve sapere con chi si sta chiudendo». 

COSA SERVE – «Se l’Inter viene da me e mi dice che l’investimento di Suning continua riattivo il dossier; ma anche se mi dice che trattano con pinco pallino e mi portano pinco pallino che garantisce la continuità dell’investimento, a me andrà bene. Devo avere o una o l’altra conferma, chiedo solo questo. Voglio dimenticare la sgradevolezza della frase “l’Inter sopravviverà a Sala” usata dal club. Il sindaco è per definizione una carica pro tempore, perciò devo garantire il futuro della città. A chi mi subentrerà, magari già a ottobre, devo lasciare una situazione pulita. È vero che l’Inter sopravviverà a me, come una verità è che Milano ha 26 secoli di storia. Se la mettiamo così, io non sono solo Beppe Sala. A meno che non ce l’abbiano con me e questo mi dispiacerebbe da tifoso interista. Non uno tiepido per intenderci. Nell’anno del Triplete ero a Siena, Roma e Madrid, le tre partite decisive…». 

Advertisement