Connettiti con noi

Focus

La Juve abdica dopo 9 scudetti, a Pirlo potrebbe non bastare la Champions

Pubblicato

su

Pirlo si gioca tutto, ma non è l’unico in bilico. Riflessioni in corso per Elkann, e per la panchina non c’è solo Allegri…

Alzi la mano chi avrebbe immaginato la Juve a lottare affannosamente per un posto Champions, a cinque giornate dalla fine del campionato. La vittoria dell’Inter a Crotone sancisce ufficialmente la fine della tirannia bianconera in Italia, dopo 9 scudetti la Juve è matematicamente fuori dalla corsa per il titolo e prima di iniziare a programmare il futuro si interroga su cosa è andato storto. Tradita da scelte rivedibili sul mercato, azzardi in panchina e fattori esterni imprevedibili, la stagione bianconera si sta rivelando decisamente più complicata del previsto, e Pirlo sempre più in bilico. Sarebbe il terzo allenatore in tre anni, fatto più unico che raro nella storia juventina. Ma le riflessioni in corso in questo momento non si limitano alla guida tecnica. A fine stagione, infatti, John Elkann (in visita alla Continassa nella giornata di mercoledì) potrebbe tracciare una riga per ricominciare, disegnando scenari ad oggi imprevedibili, anche in dirigenza.

In discussione c’è l’intero progetto Juventus, compresa la presidenza Agnelli politicamente all’angolo dopo lo strappo consumato con le istituzioni del calcio europeo ed italiano post caos Super League. Con i nomi di Alessandro Nasi e Del Piero in lizza per una poltrona ai vertici societari, vicepresidenza compresa. Un altro ritorno suggestivo che stuzzica la fantasia dei tifosi è quello di Lippi all’area tecnica, e al momento non ci sono certezze nemmeno sul rinnovo di Paratici, in scadenza a giugno. E la panchina? Il quarto posto potrebbe non bastare a Pirlo per la riconferma, Allegri in questo momento è l’alternativa che mette d’accordo Elkann, Agnelli, giocatori e tifosi. Ma attenzione alle altre piste Gattuso, Gasperini, Inzaghi, e Zidane (più una suggestione al momento). Si prospetta l’ennesima estate caldissima per una Juventus sull’orlo di una mezza rivoluzione.