L’Anzhi smobilita, ecco tutte le occasioni del supermarket russo!

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Sette nomi, sette calciatori che irrompono sul calciomercato internazionale

Il patron si è stancato del giocattolo: il magnate russo Sulejman Kerimov, anche a causa di questioni strettamente personali, ha deciso di ridurre il budget a disposizione del club e ristrutturare la sua gestione finanziaria. Per una squadra legata a stretta mandata al nome del miliardario questo vuol dire fine dei giochi: gli scarsi risultati ottenuti dall’Anzhi sotto la gestione Kerimov non possono però nascondere alcune individualità di peso, ecco un’analisi inerente ad interpreti di valore che ora potrebbero essere valutati a prezzo di saldo.

IGOR DENISOV – Già separato consensualmente con il club russo, è un centrocampista che può far comodo a maggior ragione considerando la circostanza per la quale può essere acquistato a parametro zero. Centrocampista che abbina corsa e fase d’interdizione a dinamismo, classe 1984 e vanta già 37 presenze con la maglia della nazionale russa. Dunque esperienza internazionale per completare un profilo di calciatore decisamente interessante.

JUCILEI DA SILVA – Mediano brasiliano che vanta un fisico eccellente, specializzato nella fase di non possesso: classe 1988, calciatore ancora giovane che può ulteriormente migliorare in termini di qualità. Occasione da 10 milioni di euro circa, ottimo interprete per chi è alla ricerca di un centrocampista che agisca a protezione della linea difensiva.

LASSANA DIARRA – Centrocampista prettamente difensivo che segna poco ma che può vantare esperienze con le maglie di Chelsea, Arsenal e Real Madrid, squadra nella quale ha collezionato ben 87 presenze. Perno della nazionale francese fino all’anemia che lo escluse dal campionato mondiale sudafricano del 2010. Nato nel 1985, è un’occasione di mercato di primissimo piano considerando le caratteristiche del calciatore ed un passato di spessore internazionale. Il valore di mercato supera i dieci milioni di euro.

YURI ZHIRKOV – Jolly della corsia mancina, ruolo particolarmente carente a livello internazionale e dunque ricercato: il calciatore russo può giocare sia da esterno basso che alto e garantisce un rendimento costante. Calciatore affidabile, titolare inamovibile della nazionale russa e all’attivo può vantare un’esperienza con la maglia del Chelsea. Non più giovanissimo, classe 1983, può rappresentare un’ottima soluzione se prelevato per una cifra che va dai 5 ai 10 milioni di euro.

WILLIAN BORGES DA SILVA – E’ il pezzo pregiato – insieme a Samuel Eto’o – della vetrina Anzhi: fenomeno con la maglia dello Shakhtar Donetsk anche e soprattutto sul palcoscenico internazionale della Champions League, dove ha dimostrato di esser in grado di fare la differenza anche contro le squadre più titolate. Chiedere, ad esempio, a Juventus e Chelsea che lo hanno affrontato nel girone eliminatorio dell’ultima edizione: campioni d’Europa fuori di fronte ad uno Shakhtar strepitoso ed innalzato dal valore del brasiliano. Un funambolo che ha i numeri per far saltare il banco: costa tanto, oltre 30 milioni (quanto lo ha pagato l’Anzhi, ma la crisi del club potrebbe agevolare un’operazione a cifre ragionevoli.

LACINA TRAORE’ – Due metri di atipicità: l’attaccante ivoriano è un profilo di calciatore che sa abbinare qualità e senso del gol ad una stazza fisica di per sé decisamente notevole. Agli onori della cronaca internazionale due anni fa con la maglia del Cluj grazie a buone prestazioni in Champions League, ha confermato il suo valore nelle seguenti esperienze con le magliedi Kuban ed Anzhi. Classe 1990, occasione da non perdere: valore di mercato che sfiora i 15 milioni di euro.

SAMUEL ETO’O – La carta a sorpresa che spariglia il calciomercato. Superfluo srotolare i dati di un curriculum bestiale, il campione Samuel Eto’o si valuta dai dettagli: Inter, stagione 2009-10, Josè Mourinho gli chiede di traslocare in fascia per lasciare spazio a Diego Milito. Con la promessa di vincere tutto. Detto, fatto. E se si è vinto tutto è soprattutto grazie alla disponibilità di un campione come lui. Alieno.