Lazio, Lotito show: “Il più grande errore? Quello di entrare nel mondo del calcio”

© foto www.imagephotoagency.it

Fiume in piena a Sportitalia. Il Presidente della Lazio Claudio Lotito parla a 360Ã?° del mercato dei biancocelesti durante la trasmissione “Speciale Calciomercato” condotta da Michele Criscitiello: “Tare è in giro, fa il suo mestiere. Hernanes? Sono tanti i giocatori che ci piacciono, in questo momento lo scopo della Lazio è non dare sfogo alla libidine mediatica, ma cercare giocatori che possono aumentare il tasso tecnico del gruppo. Acquafresca? Ha un problema familiare, la sua preoccupazione è che alla Lazio ci sono già  tre attaccanti di valore ed è difficile giocare titolare. Giovinco? E’ un grande giocatore ma non lo vedo adatto alla mia squadra, vedo un calcio più fisico. Chi vince di più tra Roma e Lazio? Noi abbiamo vinto un trofeo la Roma ci è solo andata vicino, ma nel calcio conta vincere. L’incontro con Preziosi? Con il presidente Preziosi ci siamo solo salutati, non c’è’ nessuna trattativa in ballo”. Lotito parla anche di un’altra spina, il caso Ledesma: “Nei suoi confronti la società  ha assunto una posizione conciliativa, sono scelte che deve fare il giocatore. Se le sue condizioni sono compatibili con la società  andiamo avanti altrimenti no. La società  ha confermato le stesse offerte della passata stagione. L’Inter non ha mai messo i soldi sul tavolo per Ledesma. Se avesse fatto come il City per Kolarov allora l’affare poteva farsi. La Lazio intende rispettare le regole, cioè trattare con il titolare del cartellino, poi parlare con il calciatore. Spesso invece accade il modo inverso. Il più grande errore? Quello di entrare nel mondo del calcio. Su un aspetto tecnico dico che l’errore più grande negli ultimi 10 mesi è stato di aver cambiato impostazione nella valutazione delle scelte tecniche dei giocatori. Totti? Come calciatore è un grande calciatore. Anche l’età  incide su un atleta, come persona non lo conosco. Offerte per Zarate e Muslera? Mai arrivate, per nessuno dei due. Su Muslera ci ho puntato personalmente. Boateng? Non ha rifiutato la Lazio. Ballardini? E’ un grande tecnico, ha rivitalizzato tanti giocatori. Sabatini? Non mi manca sul piano tecnico. Mi può mancare solo dal punto di vista umano visto che siamo amici”, riporta Tuttomercatoweb.