Lazio, Kishna: «In Italia devi sgobbare»

© foto www.imagephotoagency.it

L’esterno olandese sull’ambientamento nel campionato italiano

Si è presentato all’esordio con un gol: non ha perso tempo Ricardo Kishna per conquistare l’affetto dei tifosi della Lazio e la fiducia dell’allenatore Stefano Pioli. «In Italia ci sono diversi stili di gioco e tutto è un po’ più veloce. Con la Lazio, ad esempio, gioco in moduli diversi e questo ovviamente ti migliora, è utile per il resto della tua carriera. In Olanda ero circondato da un clima negativo, con la Lazio è cambiato tutto. Mi porterò sempre dentro il gol al debutto con il Bologna: è stata una sensazione meravigliosa. Credo che quella sia stata la mia miglior prestazione», ha raccontato l’esterno olandese ai microfoni di Fox Sports.

LA GAVETTA – Kishna ha poi parlato del suo ambientamento in Italia: «Sapevo che la Lazio avrebbe puntato su di me, ma non pensavo che avrei giocato così tanto. In Italia è importante avere una mentalità vincente, è fondamentale giocare con cuore e anima. Il campionato italiano è più difficile. Devi sgobbare, impegnarti, altrimenti finisci in panchina. Devi essere sempre pronto. Numero 88? Volevo l’8, ma era già occupato e quindi mi hanno consigliato questo, che è fortunato. Mi hanno detto che tempo fa Buffon fu criticato per la scelta di questo numero, ma ora è un numero come un altro».

NUOVO INIZIO – Infine, è tornato sul suo addio all’Ajax e sulla scelta di sposare il progetto biancoceleste: «Non so se Frank De Boer abbia problemi con i giocatori che non rispecchiano i suoi ideali, bisognerebbe chiederlo a lui, ma posso dire che non mi sono trovato bene. Ho parlato con la mia famiglia e con il mio agente, Mino Raiola, prima di passare alla Lazio: non ho mai avuto dubbi, altrimenti non ci sarei andato. Ho parlato solo con loro e abbiamo trovato subito l’accordo».