Connettiti con noi

News

Matri annuncia: «Ho deciso di lasciare il calcio»

Redazione CalcioNews24

Pubblicato

su

L’attaccante Alessandro Matri dice addio al calcio giocato: «Non ho più stimoli. Ho deciso di smettere»

Alessandro Matri è intervenuto a Casa Sky Sport per annunciare l’addio al calcio giocato e ripercorrere le tappe fondamentali della sua carriera: «Sono ricordi indelebili, è impossibile non emozionarsi. Sono già passati otto anni, sembrava ieri. È stata la mia annata migliore, non ho risentito del cambio di squadra a gennaio. Sono stato tre anni a Cagliari, poi mi sono trasferito alla Juventus sentendomi subito a casa. Tanto da segnare nove gol in sedici partite. Non ho rimpianti, ma mi sarebbe piaciuto giocare qualche partita in più in bianconero».

FUTURO – «Ho realizzato i miei sogni. Quando mi sono affacciato al calcio professionistico, mai avrei pensato di fare una carriera simile. Ora ho risolto con il Brescia, però credo di smettere col calcio. Ho preso questa decisione dopo aver visto com’è andata la stagione. In più sono venuti a mancare alcuni stimoli. Non ha senso di restare in una piazza dove non posso dare molto. E le richieste erano poche. Mi mancheranno le abitudini, ma ho preso coscienza, solo un’occasione importante mi avrebbe fatto ripartire».

MILAN – «Era la realizzazione di un sogno, la mia mamma calcistica. La Juventus invece è la donna di cui mi sono innamorato. Andò male, volevo dimostrare il mio valore. Mi sono autocaricato di responsabilità senza sapere reggere le pressioni. Andare via fu una pugnalata, chiesi a Galliani di cedermi. Mi sentivo male non potendo dare il mio contributo».

SASSUOLO – «Bel capitolo di cui mi piace parlare. Sono approdato quattro anni fa in neroverde, dopo aver trascorso due stagioni senza continuità. Ho trovato una società che mi ha riportato sicurezza e voglia di stare in un gruppo. Nonostante i pochi gol, mi sono sentito a casa. Approccio con la tifoseria bellissimo, le persone che seguono la squadra le vedi tutti i giorni e ti trasmettono la passione per questi colori».

MONZA – «Mi sento spesso con Brocchi, non voglio rovinare la nostra amicizia con prestazioni non all’altezza. Il Monza ha già sei attaccanti di ottimo valore e in Serie B, nel caso dovessero essere promossi, c’è la lista giovani. Il progetto è chiaro».

ESULTANZA – «È nata con Andrea Lazzari durante un periodo in cui giocavamo poco. È una frase volgare diretta a chi ci criticava».

GOL PIU’ BELLO – «Quello in Coppa Italia contro contro la Lazio. Ci ha permesso di conquistare il decimo trofeo».

CAGLIARI – «Avevo 24 anni e un’ambizione. I tifosi non hanno apprezzato il cambiamento di maglia».

ALLENATORI – «Allegri è il mio padre calcistico, l’ho avuto a Cagliari, Milano e Torino. Mi ha sempre trasmesso fiducia e mi ha permesso di rendere al meglio. È il numero uno perché non adatta i giocatori alla sua idea di calcio, ma sfrutta le qualità dei calciatori a disposizione. Ho avuto anche la fortuna di allenarmi con Conte, un fenomeno. Con De Zerbi ho coltivato un rapporto di guerra e amore».

Advertisement