Monza in Serie B, Galliani: «Ora vogliamo la A» – VIDEO

Adriano Galliani ha parlato della promozione del Monza in Serie B: le dichiarazioni dell’amministratore delegato – VIDEO

Adriano Galliani, amministratore delegato del Monza, è intervenuto in conferenza stampa a seguito della promozione in Serie B del club lombardo.

ESORDI – «Nel settembre 2018 ho saputo che la famiglia Colombo era in trattativa per la cessione del Monza. Il lunedì che ero ad Arcore per un pranzo con la famiglia Berlusconi informo il presidente di questa cosa e non mi risponde nell’immediato. Dopo il pranzo Silvio Berlusconi dice all’improvviso a tutti i presenti: “Cosa direste se prendessimo il Monza?”. A quel punto tutti, dalla famiglia del presidente agli altri presenti, si sono detti d’accordo su questa possibilità. A quel punto Silvio Berlusconi mi ha detto: “Adriano, vai e fai”. Entro poche ore avevo già comprato il Monza con una stretta di mano con il presidente Colombo».

SERIE C – «In dodici mesi abbiamo raggiunto il primo obiettivo, senza considerare i primi mesi della passata stagione, che era la Serie B. Adesso vogliamo puntare alla Serie A anche se non sarà un campionato semplice. Quando abbiamo preso il Monza abbiamo trovato una società ben gestita ma con delle problematiche a livello d’infrastrutture. Al tempo stesso abbiamo trovato un ds che ha la nostra totale fiducia come Filippo Antonelli e abbiamo portato un tecnico come Brocchi che non è un cocco del presidente bensì un allenatore che gioca con il modulo che a noi piace: il 4-3-1-2».

CALCIOMERCATO – «Faremo una squadra per salire per competere in alto. Anche se saremo costretti a fare delle scelte anche dolorose a causa della regola sugli over presenti in rosa. Sono convinto però che riusciremo nel nostro obiettivo perché abbiamo già iniziato a lavorare nella serata di ieri».

BERLUSCONI – «Il Monza è stato fortunato nel trovare il presidente Berlusconi che ha voluto ridare qualcosa nel territorio nel quale oramai vive da 40 anni. E lo ha fatto senza mai badare ai costi».

SERIE B – «La nostra stagione inizierà il 1° luglio perché non vogliamo concedere vantaggi alle altre società. Siamo fermi da febbraio e con il campionato di Serie B che ripartirà o il 19 o il 26 settembre e lavoreremo per essere pronti».

BUDGET – «Storicamente il presidente Berlusconi ti pone un obiettivo e ti lascia lavorare per raggiungerlo. Il budget è andare in Serie A. Ieri come primi in assoluto abbiamo depositato un preliminare d’accordo per un giocatore in scadenza. Abbiamo preso un playmaker che oggi sta lottando per andare in Serie B. Si tratta di Andrea Barberis».