Napoli: 3 idee per fermare la Juve

napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Nonostante l’arresto, il Napoli di Maurizio Sarri non vuole mollare la presa e crede ancora nello scudetto: ecco perché

La sconfitta con la Roma e il pareggio con l’Inter da parte del Napoli, hanno permesso alla Juventus di riprendersi il primo posto in classifica, con la possibilità, grazie al recupero di domani sera con l’Atalanta, di salire a più 4 punti dai partenopei. Una batosta difficile da assorbire per gli azzurri che, però, non hanno intenzione di fasciarsi la testa: gli uomini di Sarri, infatti, sanno bene di avere almeno 3 motivi per continuare a credere allo scudetto.

Il patto scudetto

Se c’è una cosa che il Napoli ha dimostrato in questa stagione, è quella di poter mantenere il passo della Juventus, nonostante la rosa sia forse inferiore sia a livello numerico che qualitativo. Il tutto grazie al gioco di Sarri e alla consapevolezza che grazie a questo credo calcistico c’è la possibilità di scrivere la storia. Non è un caso, infatti, se l’estate scorsa tutti i calciatori abbiano deciso di restare in azzurro: l’obiettivo è ancora vivo e non possono essere due gare non vinte a modificare i piani e le ambizioni del gruppo azzurro.

Lo scontro diretto

La partita allo Stadium è una possibilità. Lo ha detto anche Sarri. Se si vuole abbattere il predominio pluriennale della Juventus, bisogna fare il massimo: vincere a Torino non solo permetterebbe al Napoli di guadagnare punti – levandoli di conseguenza alla rivale – ma consegnerebbe agli azzurri la fiducia necessaria per affrontare le ultime gare di campionato. Mai come quest’anno, quindi, se si vuole davvero fare qualcosa di storico bisognerà vincere in casa dei più forti. E’ l’unico modo per legittimare il “sorpasso” ai bianconeri.

La Champions League

Sì, è vero: ogni squadra dovrebbe concentrarsi solo sul proprio cammino. E’ lecito aspettarsi, però, che il Napoli faccia il tifo per la Juve in Champions League. Arrivare in fondo alla competizione, infatti, potrebbe non solo stancare i bianconeri, ma anche distrarli. Del resto si sa, il sogno del popolo juventino, ma anche dei calciatori di Allegri resta quello di alzare la coppa dalle grandi orecchie.