Perugia, nota del presidente Santopadre

© foto www.imagephotoagency.it

Dopo i fatti incresciosi di ieri e dopo attenta analisi su quanto accaduto, sono ancora più convinto di proseguire nel creare un rapporto amichevole e di reciproca collaborazione con tutto il territorio umbro.
Un episodio che, per quanto grave e dannoso per la societá, non può assolutamente interrompere un percorso iniziato due anni fa con il sacrificio del sottoscritto e di tutti i collaboratori del A.C Perugia. Anzi, sono sempre più convinto che l’atteggiamento di un singolo non possa rovinare quanto di buono le societá coinvolte stiano faticosamente creando.
Saluto e ringrazio per le loro scuse personali, fatte sia alla mia persona che a quella del nostro capitano Comotto, i presidenti Tromby e Bigazzi del Castel del Piano e il presidente Monsignori della società Pontevecchio.
Sottolineato il mio impegno nel proseguire in questo lungo percorso, continueremo a farci conoscere dalla regione con iniziative e collaborazioni. Per questo motivo preferirei che tutti quanti, media compresi, non continuassero a dare risalto ad un episodio che il Perugia vorrebbe mettersi alle spalle al più presto dando modo alle autorità competenti di definire l’accaduto con la massima serenità.
Inviteremo le societá con le quali collaboriamo a visitare il settore giovanile ed il nostro “Renato Curi” cosìcchè nell’occasione possano ammirare che la nostra società sta facendo il possibile per creare un ambiente, con siepi e fiori stupendi, che possa inorgoglire tutti i perugini.
Saremo ben lieti di ospitare chiunque voglia venire a vedere quanti meravigliosi lavori di ristrutturazione e riqualificazione dell’ambiente siano stati fatti in questi ultimi tempi, arricchendo nel nostro piccolo e con il sacrificio personale di tutti gli addetti ai lavori e degli abbonati e non, una Lega Pro sempre più importante ANCHE PER NOI!!!!!

Massimiliano Santopadre