Connettiti con noi

Hanno Detto

Sacchi: «Mourinho spettacolo puro. L’assenza di Conte peserà tantissimo»

Pubblicato

su

sacchi

Arrigo Sacchi ha parlato del prossimo campionato di Serie A e della griglia di partenza per lo Scudetto: ecco le sue parole

Arrigo Sacchi ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport.

ITALIA – «L’Italia di Mancini ha saputo vincere con merito, praticando un calcio moderno, e ha trascinato un intero Paese oltre le sue secolari paure»

QUANTO PESA L’ASSENZA DI CONTE «Tantissimo. Conte è un grande allenatore, all’Inter faceva tutto, anche il dirigente. Inzaghi è un allenatore preparato, lo ha dimostrato alla Lazio, ma lì faceva soltanto il tecnico. Ora Marotta dovrà aiutarlo nella gestione. Per superare l’assenza di Conte tutta la società dovrà sforzarsi di essere più presente. Hakimi è stato fondamentale, costringeva gli avversari alla doppia marcatura. Calhanoglu ha colpi notevoli. Intanto è positivo sia stato confermato Lukaku, segnale di continuità».

MOURINHO ROMA«Spettacolo puro. Mou è un bravo allenatore, una persona colta. Ci farà divertire».

CONSIGLIO ALLENATORI«Semplice: si ricordino sempre che il gioco è l’unico “giocatore” che non si infortuna mai e non va mai fuori forma».

MILAN «Tutti dovrebbero fare così. Vincere facendo i debiti equivale a barare. Il Milan ha perso Donnarumma e mi dispiace, soprattutto per il ragazzo: la società lo ha fatto diventare grande, avrebbe dovuto mostrare più riconoscenza. Chi rincorre i soldi non arriva sempre alla felicità. Giroud ha giocato poco, può essere un rischio. Ma se non vuoi spendere montagne di soldi, devi sapere che qualche inconveniente può esserci. Dove non si arriva coi soldi, si può arrivare con le idee. Al Milan le hanno».

ALLEGRI«E’ un ottimo allenatore del calcio italiano, basato sugli episodi e sulla tattica. Lui ha le idee chiare, è formidabile a farle applicare. Sa ciò che vuole e quasi sempre lo ottiene. Vedo la Juve favorita su Inter e Milan, ha qualcosa di più. Il ritorno di Allegri ridà entusiasmo all’ambiente e poi i giovani come Chiesa, Rabiot, Kulusevski daranno un contributo maggiore. Sa come ottenere il massimo dai suoi ragazzi».

NAPOLI – «Spalletti è bravo, anche se non sempre è riuscito a esprimersi al massimo. Il presidente è passionale. Tutto l’ambiente è chiamato ad un salto di qualità».

ATALANTA «Non possiamo caricarla di questa responsabilità, se io spendo dieci e miei avversari spendono cento, non posso essere favorito. Finora hanno compiuto un capolavoro attraverso il gioco e nonostante i big praticamente nell’ultima stagione non ci siano stati. Mi auguro che l’Atalanta riesca a sopportare un altro campionato ad alti ritmi».

SARRI«Sono certo che farà bene. Lotito ha scelto un grandissimo allenatore, starà ancora ai vertici rispettando i bilanci».