Connettiti con noi

Hanno Detto

Sampdoria, Pellegrini: «Lanna e Vialli presidenti. Ci vorrebbe una società di ex blucerchiati»

Pubblicato

su

L’ex blucerchiato Pellegrini ha parlato delle questioni societarie della Sampdoria

Luca Pellegrini, ex difensore blucerchiato, immagina una Sampdoria gestita dagli ex calciatori blucerchiati dello Scudetto: il sogno raccontato a Il Secolo XIX.

SOCIETA’ DI EX SAMPDORIA – «Sarebbe una storia “stile Mantovani“. Ci vorrebbe una proprietà che conoscesse quell’epopea e i suoi valori e che si fidasse ciecamente di quel gruppo di ragazzi sampdoriani diventati adulti sampdoriani. Mi sembra però che negli ultimi anni le societa di calcio siano diventate appetibili quasi esclusivamente per le multinazionali. Che badano poco ai sentimenti e molto ai propri interessi».

RUOLI – «Due presidenti, uno “alla Boniperti”, amministratore delegato, e sarebbe Vialli, l’altro Lanna, che si sta già impratichendo. Mancini direttore tecnico più che allenatore, con Lombardo assistente. Creerei infatti la figura di allenatore di reparto. Pagliuca i portieri, Vierchowod e Mannini i difensori, Pietro giocava sulla propria aggressività, Moreno su furbizia e intuito. Cerezo i centrocampisti. A Invernizzi il settore giovanile. Preparatore atletico Katanec. Dossena… lui secondo me potrebbe ricoprire qualunque ruolo, per acume tattico, intelligenza calcistica. Il suo arrivo era stato fondamentale per quella squadra, rappresentava il tassello mancante per una serie di voci. Quando marcavano a uomo Cerezo, ad esempio, il riferimento diventava Beppe. E poi Pari, sarebbe un ottimo ds…».

LEGGI L’INTERVISTA INTEGRALE SU SAMP NEWS 24