Serie A, 2^ giornata: Sassuolo – Livorno, pagelle

© foto www.imagephotoagency.it

PAGELLE SASSUOLOLIVORNO 2-0 SERIE A– Allo stadio “Mapei”di Reggio Emilia si sono affrontate alle ore 20:45 Sassuolo – Livorno, sfida valevole per la seconda giornata del campionato di Serie A 2013/2014. Ha vinto il Livorno per 1-4. Di seguito vi proponiamo le pagelle del match appena terminato: 

– SASSUOLO (4-3-3):

Rosati 4,5 – Ha grosse ed evidenti colpe sull’1-2 di Emeghara. Si scusa con la curva che invoca il nome di Pomini. Non impeccabile nemmeno sul gol di Paulinho. Da rivedere. Per completare la giornata-no commette il fallo da rigore su Luci.

Gazzola 6 – Si limita al compitino senza strafare.

Terranova 5 – La sua lacuna è la velocità ed Emeghara nell’azione che porta sull’1-2 mette in mostra le sue pecche superando il difensore goleador del passato campionato di Serie B.

Rossini 5,5 – Prestazione sufficiente ma da un suo fallo nel primo tempo nasce il calcio di punizione al Livorno dal quale scaturisce il gol del vantaggio di Greco.

Ziegler 5,5 – Attento in fase difensiva, concede poco a Schiattarella. In avanti si propone poco.

Kurtic 6 – Con il suo destro è sempre pericoloso dalla distanza, con il suo mancino riesce a disegnare parabole interessanti per i suoi attaccanti. Buona anche la sua fase di non possesso.

Chibsah 6,5 – Bene davanti alla difesa. Non ha i piedi di Magnanelli quando si tratta di impostare l’azione ma ha grande forza fisica nel fare da schermo alla difesa.

(Dal 75′) Farias SV

Missiroli 5,5 – E’ lui il faro della squadra di Di Francesco. Dai suoi piedi partono tutte le azioni più pericolose dei neroverdi nel primo tempo. Cala col passare dei minuti e sparisce dai radar di gioco nella ripresa.

Laribi 6 – Le occasioni più pericolose del primo tempo capitano a lui. Schierato a sorpresa titolare, l’ex Palermo si muove bene inserendosi con puntualità svizzera dietro alle maglie della difesa avversaria ma manca in fase conclusiva.

(Dal 68’) Pavoletti SV – Non si vede mai.

Zaza 6 – Tanto movimento ma poca concretezza. Sciupa due ghiotte occasioni da rete ad inizio ripresa non sfruttando il doppio regalo di Emerson ma alla terza punisce trovando il 1° gol in Serie A del Sassuolo.

Alexe 5,5 – Buoni numeri e buona progressione ma difetta sempre nell’ultimo passaggio, dettaglio fondamentale per un esterno. Sparisce nella ripresa.

(Dal 64’) Masucci 5,5– Nessuno spunto degno di nota.

– LIVORNO (3-5-2):

Bardi 6 – Risponde sempre presente quando viene chiamato in causa. Reattivo nelle uscite, bravo nell’anticipare gli avversari.

Valentini 6 – Buona gara ma si fa anticipare da Zaza in occasione del momentaneo gol del pari sassuolese.

Emerson 6,5 – Sempre ben piazzato al centro della difesa. Tiene a bada Zaza con assoluta destrezza. A inizio ripresa tra il 53’ e il 56’ perde la testa e regala due limpide occasioni da gol a Zaza, per sua fortuna, non sfruttate dall’ex Ascoli.

Ceccherini 6,5 – Gran fisico ed altrettanto spiccate doti atletiche per questo difensore classe ’92.

Schiattarella 6 – Anonimo in fase d’attacco, si limita soprattutto a coprire le scorribande di Ziegler cavandosela con mestiere.

(Dall’87’) Lambrughi SV

Luci 7 – Il lavoro sporco è tutto suo. Spostato dalla solita posizione centrale tiene bene il campo pressando con grande cattiveria agonistica i centrocampisti avversari. Bravo a procurarsi il calcio di rigore.

Biagianti 6,5 – E’ lui il regista della squadra di Nicola. Non è la sua posizione ma si destreggia con grande sagacia tattica davanti alla difesa regalando tranquillità ai suoi.

Greco 7 – Con il suo calcio di punizione porta in vantaggio i suoi. Corre come un motorino in mezzo al campo: qualità e quantità al servizio della squadra.

(Dall’82’) Duncan SV

Gemiti 5,5 – Né carne né pesce. Si limita a tenere la posizione con diligenza. Spinge poco.

(Dal 69’) Coda 6 – Entra a giochi fatti e si limita a contenere gli avversari.

Paulinho 7 – Si fa vedere dettando il passaggio ai suoi centrocampisti. Più in palla di Emeghara nel primo tempo, trova il gol della tranquillità nella ripresa con una grande azione personale. Paulinho c’è e vuole dimostrare di essere bomber anche in Serie A.

Emeghara 7 – Inizio sotto tono per l’attaccante ex Siena che sale in cattedra nella ripresa con una doppietta di fondamentale importanza per gli amaranto. Freddo nel calciare il rigore, aiutato da Rosati nel primo gol ma bravo ad andar via di velocità e fisico su Terranova.