Sorrentino, il portiere scrittore: «A vita col Chievo». E sul ritiro…

sorrentino chievo verona
© foto www.imagephotoagency.it

Stefano Sorrentino parla della sua biografia e annuncia importanti novità sulla sua carriera futura

Spesso accade al giorno d’oggi che i calciatori pubblichino la propria biografia per raccontare della loro vita. Lo ha fatto Mauro Icardi all’età di 24 anni, lo ha fatto anche Stefano Sorrentino. Il portiere del Chievo Verona porta sulle spalle qualche anno in più, ha quattro figlie bellissime, ha raccontato il motivo di tale scelta alle colonne de La Gazzetta dello Sport.

Un po’ presto per vergare le proprie memorie, no?
«Lo so, di solito si scrive la propria biografia appesi i guanti al chiodo, ma manca poco anche per me… Però, voglio parare in Serie A fino a 40 anni e spero di raggiungere questo mio obiettivo».

In tuffo sulla tastiera: perché?
«L’idea è nata in vacanza con il mio amico Marco Dell’Olio, da quattro chiacchiere da spiaggia. Lui mi ha spinto, ma io ero dubbioso: la gente vuole roba curiosa o che faccia scalpore, qualche scoop, vicende piccanti. Io potevo offrire la mia lunga carriera, la mia vita e la mia storia. Di me magari sanno tutto per i 95’ in campo, ma nulla nei restanti 38 anni di figlio, papà, della mia separazione, dei viaggi, di cosa ti porti dentro, i pensieri, le preoccupazioni, le gioie. E c’è anche uno scopo benefico».

Gli occhi della tigre erano cari a Julio Velasco, guru della pallavolo.
«Ma io li ho presi da Rocky, il pugile: mi danno forza e coraggio. E li ho messi anche sotto la divisa… Mi dicevo: si cambiano i portieri e io resto… titolare, una sfida nella sfida che si rinnova da anni e mi tiene sul pezzo. Ogni giorno, così, provo a dimostrare che non sono il più scarso del campionato».

Bravo a chiudere la porta. Ma sui libri?
«Invero, non sono un grande lettore. Purtroppo. Ma un po’ ho recuperato con il mio libro, visto e rivisto per intere nottate passate a correggere, a cambiare, a riscrivere per spiegare meglio».

Sta già pensando al dopo calcio?
«In realtà no, perché mi sento ancora tanto calciatore. Quel giorno, però, arriverà. E credo mi verrà un po’ di ansia, ne patirò, è sicuro. Adesso, ogni tanto ti viene da dire: mamma mia che palle i ritiri, poi mancheranno, lo so; sono parte della mia quotidianità da quando ero ragazzino».

Resterà nel mondo del calcio?
«Non lo so ancora. Non mi vedo allenatore, comunque, forse più dirigente-manager, ma non si sa mai… Il sogno nel cassetto è duplice: aprire uno stabilimento balneare, visto il mio amore per il mare, o, visto quello per gli animali, mettere su una fattoria per tornare alle origini, con l’orto, le galline… Ho ancora due anni con il Chievo per chiudere in bellezza nel massimo campionato. Quando sono tornato, ho firmato un triennale con opzione, mi sono chiarito con il presidente Campedelli che stimo e con i tifosi. Voglio concludere con questi colori la mia carriera».

Juventus prima, poi Torino: sembra una storia di cappa e spada.
«Giovanili bianconere sino alla Primavera quando la società mi ha lasciato libero; hanno fatto la loro scelta. Così, sono passato al Toro ed è stata la mia fortuna. Sono stato scartato e ho avuto un’altra possibilità. Nelle difficoltà del momento, con la crisi societaria, in granata c’erano grandi giocatori, come Balzaretti, Quagliarella… Io devo tutto al Toro che mi ha fatto debuttare in B e in A. E’ un legame forte, vero. Quando indossi la maglia granata e sei allenato da Claudio Sala che ti inculca certi valori resti segnato dentro, ti viene la pelle d’oca, poi, quando vai a Superga il 4 maggio. E che effetto rivedere il Fila».

Condividi