Stefano Sorrentino, l’esperienza a difesa della porta del Chievo

sorrentino chievo
© foto www.imagephotoagency.it

Caratteristiche tecniche, cartellino, clausole, contratto, stipendio, procuratore, social e tanto altro: ecco chi è Stefano Sorrentino, portiere classe 1979 del Chievo

Stefano Sorrentino nasce il 28 marzo 1979 a Cava dè Tirreni. Figlio d’arte (il padre Roberto ha giocato tra i pali negli anni ’70 e ’80), diventa portiere per caso a 11 anni, quando l’allenatore dei Giovanissimi del Bologna, in emergenza, gli chiede di spostarsi dall’attacco alla porta. Più avanti, tra 1996 e 1998, arrivano le esperienze con le Giovanili di Lazio e Juventus; l’avventura coi bianconeri si limita al campionato Primavera: a fine stagione la Juve (campione d’Italia) decide di non puntare su di lui, per una ‘bocciatura’ che Sorrentino ricorderà come la svolta della sua carriera. Una svolta che arriva dalla sponda granata di Torino: il portiere viene infatti chiamato dal Toro dove nell’anno successivo fa il suo esordio in Serie B. Per Sorrentino seguono poi esperienze in prestito con Juve Stabia e Varese prima del ritorno in granata e l’esordio in Serie A datato 16 dicembre 2001 (nel pareggio per 1-1 contro il Lecce). Il portiere passa un paio di stagioni all”ombra’ del veterano Luca Bucci prima di ottenere il posto da titolare nel corso del 2003.

Seguono due stagioni in Serie B e la promozione in A, poi annullata per il dissesto finanziario della gestione Cimminelli. Sorrentino, lasciato libero dalla società granata, si trasferisce in Grecia, all’AEK Atene, dove fa il suo esordio nelle gare internazionali giocando in Coppa Uefa. Il secondo posto in campionato dell’AEK lo farà esordire anche in Champions League nel corso della stagione 2006-2007. Il club greco, a fine stagione, lo cede in prestito al Recreativo de Huelva, dove il portiere giocherà un solo anno diventando il primo giocatore italiano della squadra andalusa. Poi, finalmente, il ritorno in Italia: Stefano Sorrentino approda al Chievo nell’estate 2008; con la squadra veronese, neopromossa, il portiere imbastisce un lungo e positivo sodalizio fino al 2013. In maglia clivense, Sorrentino si mette in mostra come portiere pararigori (arriverà a neutralizzarne 8 nel giro di due anni e mezzo). Nel gennaio 2013, il suo trasferimento al Palermo provoca la delusione dei tifosi clivensi, ma il suo è solo un arrivederci ai colori gialloblù. Con la squadra rosanero, dopo la retrocessione del 2013, riconquista subito la promozione e dal 2014 ne diventa il capitano. Dopo oltre tre anni, nel 2016, il suo ritorno al Chievo, squadra con cui il portiere concluderà la sua carriera.

Caratteristiche tecniche e ruolo

Portiere di esperienza, ha un ottimo senso della posizione e si esprime al meglio sui palloni bassi. Non altissimo per il suo ruolo (186 cm), risulta tra i portieri più bassi della Serie A. Autore non di rado di interventi spettacolari, è storicamente abile sui calci di rigore: nel corso della sua carriera ne ha parati 13 sui 58 fischiati contro.

Clausola e cartellino di Sorrentino

Stefano Sorrentino sta vivendo la sua seconda esperienza al Chievo Verona, club in cui è tornato, a titolo definitivo, nel luglio 2016. Nel suo contratto non sono inserite clausole e il valore del suo cartellino, secondo i siti specializzati PlayRatings e Transfermarkt oscilla tra i 400 e gli 800mila euro.

Contratto e stipendio di Sorrentino col Chievo Verona

Il portiere di Cava dè Tirreni è legato al Chievo Verona da un contratto fino al 30 giugno del 2018. Il suo ingaggio annuale è pari a 550mila euro netti e il portiere risulta il quinto giocatore più pagato della rosa clivense.

Sorrentino al Fantacalcio

L’esperto portiere è un buon investimento per gli amanti del Fantacalcio. Continuo a livello di presenze, si è confermato positivamente nel corso degli anni. Puntualmente sufficiente in pagella, può essere un valore aggiunto soprattutto come secondo portiere in una fantasquadra.

Infortuni Sorrentino: il report completo

Nel corso della sua lunga carriera, Stefano Sorrentino non è mai incorso in lunghi infortuni. L’ultimo stop di rilievo per il portiere risale a quasi due anni fa, quando un infortunio al muscolo bicipite femorale lo tenne fuori dai giochi per quasi tre settimane.

I numeri di maglia di Sorrentino

Il portiere classe 1979 indossa stabilmente da tre stagioni e mezza la maglia numero 70. Dietro a questa scelta c’è un motivo, spiegata nel 2014 dallo stesso Sorrentino: 70 è la somma delle date di nascita delle sue quattro figlie: 28+20+6+16. Prima di questa maglia, il portiere ha cambiato diversi numeri, indossando solo in 4 stagioni la classica numero 1:

  • Juventus (1997-1998) – 37
  • Torino (2001-2003) – 16
  • Torino (2004-2005) – 1
  • AEK Atene (2005-2006) – 1
  • AEK Atene (2006-2007) – 28
  • Recreativo Huelva (2007-2008) – 1
  • Chievo Verona (2008-2011) – 28
  • Chievo Verona (2011-2013) – 54
  • Palermo (2013) – 54
  • Palermo (2013-2014) – 1
  • Palermo (2014-2016) – 70
  • Cheivo Verona (2016-) – 70             

Stefano Sorrentino sui social: i suoi profili Facebook, Twitter e Instagram

Il portiere del Chievo è molto attivo nel mondo social. La sua pagina Facebook è seguita da 10mila utenti e, insieme a quella di Twitter (oltre 26mila seguaci), viene utilizzata da Sorrentino in modo molto interattivo; negli ultimi mesi, il giocatore clivense ha lanciato un’iniziativa denominata ‘In campo con Ste’ e rivolta ai suoi fans con l’intento di mettere all’asta i suoi guanti da gara devolvendo il ricavato in beneficenza. Sorrentino è presente anche su Instagram: il suo profilo vanta più di 66mila seguaci e spazia tra immagini di sport e foto nel tempo libero e in famiglia con la compagna Sara e le quattro figlie.

Sorrentino a Fifa 18

Il valore totale di Stefano Sorrentino al videogioco Fifa 18 è pari a 79. Tra i valori attribuiti al portiere spicca quello per posizione (82).