Spal, Mattioli: «Siamo pronti a ripartire dal 18 maggio. Andremo in ritiro in un hotel isolato»

© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente della SPAL, Walter Mattioli, ha parlato in conferenza stampa facendo il punto sulla ripresa delle attività

Walter Mattioli, presidente della SPAL, ha parlato in conferenza stampa facendo il punto sulla ripresa delle attività in casa biancoazzurra. Le parole del numero uno del club riportate da TMW.

18 MAGGIO – «Noi siamo pronti, anche se aspettiamo ancora qualche notizia. Il decreto ci tiene fermi fino al 18 maggio e lo stiamo rispettando. I giocatori si stanno preparando autonomamente a casa. Quando riapriremo il centro faremo le visite mediche necessarie ai ragazzi. A oggi non abbiamo i tamponi a disposizione perché servono ancora a medici e persone ammalate. Già in settimana comunque inizieremo a fare qualcosa. Il ritorno in campo dovrebbe essere dopo il 18 maggio, anche se io qualche dubbio ancora ce l’ho. Se ci saranno le garanzie, come già detto, si partirà. Andremo in ritiro in un hotel isolato della città nel caso. Faremo tutto il possibile che si potrà fare e ci faremo trovare pronti».

NUOVO DIRETTORE SPORTIVO – «Io non ho fretta. Sto valutando insieme a tutti il personaggio che potrebbe sostituirlo. Per come la penso io dovrà essere un ragazzo giovane che conosca bene questo mondo e abbia grande entusiasmo, oltre che contatti più importanti. Ci sono più personaggi e li stiamo valutando per il bene della SPAL. Qualcosa dipenderà anche dalla categoria, ma al momento c’è qualcosa di più importante a cui pensare. A breve penso che riusciremo a trovare il sostituto».

VAGNATI – «Via altri dopo di lui? Ne stiamo discutendo e può succedere in futuro. Al momento però non c’è nulla di ufficiale. Può essere che qualcuno lo segua, ma come ho detto a Vagnati è importante che me lo dica in tempi consoni per permetterci di programmare il futuro. Io non trattengo mai nessuno. Voglio che a Ferrara rimanga chi ha voglia di lavorare per la SPAL e abbia a cuore la nostra società, che la ami come la amiamo noi».