Tra Parma e Lazio pareggio amaro ma è nata una stella…

© foto www.imagephotoagency.it

PARMA LAZIO SINTESI – Al “Tardini”di Parma si sono affrontate alle ore 15:00 Parma e Lazio, gara valevole per la dodicesima giornata del campionato di Serie A 2013/2014. Donadoni conferma il 3-5-2 con, rispetto all’ultima gara contro la Juventus, Felipe titolare in difesa al posto del positivo Mendes. A centrocampo fuori Biabiany dentro Rosi. Assente Gargano per la convocazione con la nazionale uruguaiana, gioca Obi. In attacco l’escluso eccellente è Amauri: gioca Palladino. Petkovic sceglie il 4-3-3 con Pereirinha laterale destro di difesa e con il trio Onazi, Ledesma ed Hernanes a centrocampo. In attacco gioca dal 1′ minuto il giovane Keita 

LA LAZIO COMANDA – E’ la Lazio a fare la partita con la squadra di Petkovic che comanda il gioco ma non riesce a concretizzare la mole di gioco creata. Il Parma è chiuso in difesa e prova a colpire in contropiede ma i centrocampisti ducali sono molto imprecisi e mancano spesso l’ultimo passaggio. Nei primi minuti i biancocelesti sono pericolosi con Onazi ma il tiro del nigeriano dopo una mischia in area è respinto dalla difesa di casa. Il Parma risponde all’8’ con un gran tiro da fuori di Marchionni che termina di poco alto sopra la traversa. Donadoni è costretto ad effettuare il primo cambio al 26’ con Obi che lascia il campo a Valdes ma la sostanza non cambia perché il regista cileno è molto impreciso. La palla gol del primo tempo però capita sulla testa dell’ottimo Keita: Candreva crossa dalla destra e il senegalese incorna bene ma il pallone termina di poco a lato alla sinistra della porta difesa da Mirante. Allo scadere del primo tempo altro cambio per problemi fisici: fuori Palladino dentro Sansone.

IL PARMA PAREGGIA – Nella ripresa il copione non cambia con la Lazio che attacca e con il Parma accorto in difesa. Dopo 5 minuti però da un contropiede di Candreva che fa 80 metri palla al piede nasce il gol del vantaggio laziale, con un rimpallo che favoriesce Keita e con il denegale che mette a sedere Marchetti e deposita in rete per lo 0-1. Il Parma si sveglia e inizia ad attaccare con Cassano che ha subito la palla del pareggio ma si fa recuperare da Pereirinha che ostacola il barese con il corpo e gli impedisce di calciare nel migliore dei modi. I ducali spingono con continuità e vanno vicini al pari con Sansone ma è Lucarelli al minuto 64 a trovare il gol con un bel colpo di testa sul primo palo su azione d’angolo. La Lazio risponde con il solito Keita ma Mirante è super e devia in angolo il tiro del numero 14. La partita scivola via senza particolari sussulti e finisce 1-1. Il Parma vive troppo delle fiammate di Cassano e quando FantAntonio non è in giornata, come oggi, i ducali faticano a creare azioni pericolose. La Lazio ha avuto in mano il pallino del gioco ma non è riuscita ad essere cattiva in zona gol ma può essere felice dell’esplosione di Keita, classe 1995!