Udinese – Parma, 3-1: friulani devastanti in velocità, ducali vivi a sprazzi

© foto www.imagephotoagency.it

SERIE A UDINESE PARMA SINTESI – Vittoria casalinga per l’Udinese, che ha ritrovato il sorriso davanti ai propri tifosi. Trova la prima vittoria della stagione la squadra di Francesco Guidolin, mentre per il Parma il passo avanti atteso dopo la buona prova con il Chievo Verona non è arrivato.

Clicca qui per le nostre pagelle dei protagonisti del match!

PRIMO TEMPO – Inizio piuttosto contratto delle due squadre, che non riescono a trovare dei varchi per insinuarsi nelle difese avversarie. Il match, però, si sblocca grazie all’errore di Cassani, che all’11’ prova a spazzare la palla, ma serve involontariamente Badu, il quale si invola verso la porta e batte Mirante, portando con la conclusione fredda e precisa in vantaggio la squadra friulana. Al 15’ ha provato Muriel a far male al Parma con un’azione solitaria che si è conclusa con un tiro a lato. Dopo due minuti l’attaccante colombiano, servito con precisione da Di Natale, ha cercato nuovamente il gol, ma il suo tiro è stato bloccato in due tempi dal portiere crociato. Il Parma accusa il colpo dopo il gol dello svantaggio e l’Udinese prova a sfruttare le ripartenze del velocissimo Muriel, che combina bene con Di Natale. Il primo squillo del Parma arriva al 20’ dai piedi di Cassano, che ha provato una conclusione da fuori area, rivelatasi poi poco pericolosa. La squadra di Donadoni, però, si sveglia e sfiora il pareggio al 22’: cross di Gobbi per Amauri, che gira di testa verso la porta, ma la palla colpisce la traversa. Capovolgimento di fronte e l’Udinese in contropiede prova a battere ancora il Parma con Di Natale, il cui tiro però finisce a lato. Al 27’ da una grande giocata di Badu sulla fascia nasce un’azione che si conclude con un tiro di Di Natale che colpisce il palo. Al 33’ risponde il Parma con Cassano, che cerca il tiro di piatto dopo il cross preciso di Amauri. Gli ospiti, però, soffrono le accelerazioni di Badu, che svaria su tutto il fronte offensivo, e la buona intesa tra Di Natale e Muriel, che riescono a mettere in difficoltà la difesa ducale.

SECONDO TEMPO – Dopo nove secondi dall’inizio della frazione di gioco, Amauri si crea un’occasione stoppando la palla spalle alla porta e poi provando il tiro in girata di poco alto sulla traversa. Buon inizio di secondo tempo per il Parma, apparso più intraprendente: al 9’ assist di Cassano per Rossi, anticipato prima di calciare da Kelava. Si prende qualche libertà Cassano, poco marcato dai centrocampisti dell’Udinese e sfruttando il momento di confusione dei friulani, che però al 19’ hanno l’occasione del gol con Di Natale, che anziché calciare di prima intenzione, attende troppo e poi la sua conclusione viene deviata. Al 20’ poi Muriel, servito da un ispirato Allan, si invola verso Mirante e poi calcia forte, ma il tiro viene deviato in corner da Mirante. Il raddoppio è nell’aria, ma arriva con un episodio inaspettato: al 27’ Heurtaux sfrutta la dormita di Gobbi e sorprende Mirante insaccando di coscia dopo il lancio da calcio di punizione. Tira i remi in barca il Parma, che lascia l’iniziativa all’Udinese, che potrebbe dilagare: al 31’ dribbling di Maicosuel, tacco di Lazzari e giocate di Muriel per un azione che la respinta crociata al cross di Badu. Nel momento migliore dell’Udinese arriva il gol di Cassano: al 37’ bel colpo di testa del calciatore barese sul secondo palo, ma l’inconsistenza di Kelava è preoccupante. La partita si chiude con il gol di Muriel su calcio di rigore: il fallo su Lazzarri non c’era, ma Ostinelli ha fischiato il rigore che poi il colombiano ha mandato in rete per la gioia dei tifosi friulani.