Zoff ricorda Pertini: «Lo sentii vicino, ma nello Scopone sbagliò lui»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Dino Zoff ricorda il presidente Sandro Pertini a 30 anni dalla sua scomparsa: ecco le parole del campione del Mondo 1982

L’immagine di Sandro Pertini che esulta al terzo gol azzurro in Italia-Germania è rimasta negli occhi di tutti. Dino Zoff, a distanza di 30 anni dalla sua scomparsa, lo ricorda su La Repubblica.

PERTINI «Nel 1982 lo sentii vicino umanamente, senza ipocrisie. Accadde lo stesso a milioni di italiani vedendolo alzarsi in piedi in estasi al terzo gol nella notte della finale e urlare quello che tutti stavano pensando ‘non ci prendono più… non ci prendono più…’».

SCOPONE«Causio tentò una ‘ballata ciucca’, come si dice in gergo. Una specie di trappola, calò un sette, Pertini lo lasciò passare e Bearzot prese di settebello. Tecnicamente parlando, una catastrofe. Pertini era uno che sapeva giocare, ma in quel momento accusò me di aver sbagliato. E io ovviamente lo rimproverai, sia pure con garbo, del contrario. Avevo ragione io e il presidente lo sapeva benissimo».