Inter: Marotta incontra Conte, sorpasso alla Roma! Suning pronta a sborsare 80 milioni

conte marotta juventus
© foto www.imagephotoagency.it

L’Inter è ora più vicina della Roma ad Antonio Conte grazie al pressing di Beppe Marotta: per l’esonero di Luciano Spalletti e il cambio in panchina stanziati circa 80 milioni da Suning

Come un po’ prevedibile, nelle ultime ore l’Inter avrebbe messo a segno il sorpasso alla Roma nella corsa ad Antonio Conte. La squadra nerazzurra, come raccontato da La Repubblica, avrebbe cioè affondato il colpo per l’ex allenatore juventino tramite l’amministratore delegato (pure lui ex bianconero) Beppe Marotta: tra i due in settimana sarebbe stato risoluvito un incontro avvenuto in segreto. Al tecnico leccese il club nerazzurro, in buona sostanza, avrebbe chiesto di non affrettarsi a firmare alcun contratto con la Roma al termine del campionato, ma di aspettare l’evoluzione della situazione legata a Luciano Spalletti. Nonostante le voci di conferma dell’allenatore toscano insomma, l’Inter starebbe continuando a lavorare alacremente sull’ipotesi Conte ed un primo via libera sarebbe arrivato direttamente dalla proprietà cinese.

Zhang Jindong, inzialmente piuttosto dubbioso sulla fattibilità economica dell’operazione, avrebbe acconsentito a sborsare gli 80 milioni di euro lordi circa necessari per assicurarsi l’ex commissario tecnico azzurro ed il suo staff: 28 milioni sarebbero quelli necessari per esonerare Spalletti, che ha un contratto valido con l’Inter fino al 2021, mentre la quota restante da circa 52 milioni di euro servirebbe per pagare il triennale di Conte (16 milioni di euro lordi l’anno) più le spese del suo entourage. A spingere il patron di Suning verso l’ok sarebbe stata soprattutto l’ultima mossa del Governo, che ha garantito con l’ultimo Decreto Crescita una diminuzione delle spese fiscali di circa il 30% per il rientro dei “cervelli”, ovvero di tutti i lavoratori italiani che finora sono stati all’estero. I legali nerazzurri starebbero studiando in queste ore proprio la possibilità di sfruttare le ultime norme in materia a proprio vantaggio avendo Conte vissuto a Londra nel biennio 2016/2018, quando era alla guida del Chelsea.