Bonucci, la Juve è cambiata? «A Berlino eravamo una sorpresa»

bonucci juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Leonardo Bonucci in merito alla qualificazione in finale di Champions League a Cardiff raggiunta dalla Juventus di Massimiliano Allegri

L’edizione odierna del quotidiano Il Giornale ha riportato alcune dichiarazioni rilasciate dal difensore della Juventus, Leonardo Bonucci, all’indomani della qualificazione raggiunta alla finale di Champions League in programma a Cardiff il prossimo 3 giugno contro il Real Madrid. «Due anni fa eravamo una sorpresa. Forse eravamo noi i primi a stupirci di essere giunti fino a Berlino. Quest’anno abbiamo una consapevolezza, una voglia e una fame diverse. Tutto è cresciuto con il passare dei mesi, dopo aver dimostrato sul campo di essere una grande squadra. Seconda finale in tre anni? E’ splendido, ma ora il sogno deve completarsi. Non basta arrivare a Cardiff: dobbiamo portare a casa la Coppa. Centrocampo della finale di Berlino? Era grandioso, ma questo non è da meno con Khedira, Marchisio e Pjanic. C’è solo da andare a Cardiff e fare la partita più bella della storia della Juve. Feste vietate prima della finale di Cardiff? No, intanto pensiamo a portare a casa questi due trofei. Poi credo proprio che ci si potrà lasciare andare un attimo: l’importante sarà ricollegare subito il cervello per portare a casa questa benedetta Champions».