Calcioscommesse, Tisci: «Incontri per truccare le partite»

© foto www.imagephotoagency.it

Nuove ammissioni dell’ex calciatore, arrestato nel 2012.

CALCIOSCOMMESSE TISCI – Sta per arrivare ad un punto di svolta l’indagine della Procura di Cremona sul calcioscommesse, mentre il boss di tale scandalo è in cella a Singapore. Nelle prossime settimane verranno tirate le somme e non sono esclusi colpi di scena, perché si aggiungeranno nuovi tasselli al complesso mosaico.

AMMISSIONI – Ieri, ad esempio, Ivan Tisci, ex calciatore di Pescara, Avellino e Modena, arrestato il 28 maggio 2012, è stato interrogato per cinque ore: come riportato da “La Gazzetta dello Sport”, ha raccontato fatti nuovi, ammesso di aver incontrato un uomo sulla sessantina che ha chiesto molti soldi in cambio di risultati sicuri e rivelato al pm Roberto Di Martino che avrebbe avuto questi contatti attraverso Bellavista. Il pm ha poi discusso di alcune partite che sono considerate manipolate e sulle quali Tisci dovrà fare chiarezza: ci sarà, infatti, un secondo interrogatorio per chiudere in fretta questa “partita”.