Cerci – Bologna: i retroscena sul mancato arrivo

cerci
© foto www.imagephotoagency.it

Visite mediche decisive: i tempi di recupero di Cerci non hanno convinto il Bologna, ecco perché.

L’ultimo giorno di calciomercato è spesso e volentieri fucina di colpi mancati. Basti pensare a quanto accaduto tra Juventus e Zenit San Pietroburgo per il centrocampista Axel Witsel. Non solo: in casa Bologna, ad esempio, è saltato l’arrivo di Alessio Cerci, ala dell’Atletico Madrid. Il motivo? Le condizioni fisiche del calciatore ex Torino e Fiorentina, gli stessi problemi che avevano fatto propendere la Lazio al rifiuto nei confronti del calciatore.

RETROSCENA – Secondo quanto raccolto dal Corriere dello Sport- Stadio, infatti, in sette ore si è aperta e chiusa la parentesi di Alessio Cerci al Bologna. L’ala dell’Atletico, tutto il giorno all’Isokinetic, ha successivamente lasciato il centro sportivo di Casteldebole senza un nuovo ingaggio. Cerci, operato il 10 maggio scorso dal professor Ramon Cugat per una patologia cartilaginea al ginocchio destro, non ha ancora recuperato pienamente. Proprio i tempi di recupero, infatti, sono stati il motivo del suo mancato arrivo: per il Bologna, infatti, l’ala romana sarebbe stato disponibile solo tra fine ottobre e inizio novembre, ragion per cui il club ha preferito non rischiare.