CorSera: le tre armi del Milan

© foto www.imagephotoagency.it

Ritorno al 4-3-3, recupero infortunati e contropiede: così Inzaghi ha vinto a Palermo

Questo è l’atteggiamento giusto del Milan. La squadra di Filippo Inzaghi finalmente ha giocato una buona partita in questo 2015 e ha trovato la giornata di luna buona per alcuni suoi giocatori fin qui in ombra, come analizzato quest’oggi da Il Corriere della Sera: Marko van Ginkel si è alla buon’ora inserito nello scacchiere rossonero, Alessio Cerci si è sbloccato e ha segnato il suo primo gol seppur in modo alquanto fortunoso e poi viene elogiato il lavoro di Jeremy Menez.

IN TRASFERTA – Il Milan è tornato a vincere in trasferta dopo cinque mesi e mezzo, l’ultimo successo era datato ottobre e risaliva alla vittoria al Bentegodi per tre a uno. Secondo il quotidiano milanese è stato decisivo il recupero degli infortunati ma non solo, anche il ritorno al 4-3-3 è stato un’arma da non sottovalutare anche se il merito più grande viene dato al contropiede su cui è stata improntata la gara. Un ritorno a un calcio piuttosto difensivo e d’altri tempi che però al Milan ha portato bene.