Crotone, dalla «svolta della spiaggia» all’ultima spiaggia con la Juventus

falcinelli crotone
© foto www.imagephotoagency.it

Il Crotone si gioca la salvezza allo Juventus Stadium: i calabresi non perdono da 7 partite. Il retroscena della ‘svolta della spiaggia’ a Steccato di Cutro

Tutto è cambiato da quel 25 marzo. Repubblica l’ha definita quest’oggi «La svolta della spiaggia». Due mesi dopo quell’allenamento del Crotone di Davide Nicola sulla spiaggia di Steccato di Cutro al primo sole primaverile calabrese la formazione dei Vrenna ha giocato sette gare di campionato senza perdere mai riaprendo così una lotta per la salvezza che li vedeva sul punto di essere spacciati. All’epoca quell’allenamento attirò battute e critiche fin troppo facili sull’onda dell’«ultima spiaggia» per il Crotone, reduce dalla sconfitta con la Fiorentina del 19 marzo: da quel momento, però, sono arrivati sette risultati utili consecutivi, 17 punti in 7 gare, frutto di cinque vittorie e di due pareggi, che hanno permesso al Crotone di accorciare pesantemente il gap dalla quartultima, l’Empoli, oggi ridotto ad un solo punto. Il crocevia dei pitagorici sarà la partita di domenica pomeriggio allo Juventus Stadium contro i bianconeri che cercano tre punti per il Sesto Scudetto consecutivo. 

Crotone, dalla «svolta della spiaggia» all’ultima spiaggia con la Juventus

«Ci aspettano giorni di duro lavoro dal punto di vista fisico, tecnico e mentale. La prossima partita ha un coefficiente di difficoltà elevatissimo, sia per la squadra che andremo ad affrontare – fra le più forti al mondo – che per la stessa posta in palio. Preparare una gara del genere vuol dire curare i minimi dettagli: in tal senso ci stiamo impegnando al massimo, seguendo fino infondo le indicazioni del mister. La nostra concentrazione è alta, così come il livello di attenzione. Abbiamo un unico obiettivo e un solo modo per raggiungerlo: restare umili, lavorare sodo e puntare sul gruppo. Il nostro entusiasmo sarà un valore aggiunto» ha detto ieri Trotta al sito web ufficiale del Crotone. Gli fa eco quest’oggi il difensore Ceccherini: «Prepariamo al meglio la partita decisiva con la Juventus, tutte le ultime son state da dentro o fuori, la Juve ha tantissimi campioni e noi la rispettiamo ma non abbiamo paura. Saranno 95 minuti di grande difficoltà, ma son convinto che possiamo dire la nostra allo Juventus Stadium. Siamo partiti da -11, oggi siamo a -1 e naturalmente daremo il massimo per la salvezza».